Annunci
Ultime notizie di cronaca

Autostrada chiusa per 4 ore per permettere alla Baretto di sopravvivere al disastro dell’A26

L’azienda di carpenteria pesante, eccellenza del territorio con sede a Masone, dal momento in cui sono stati rilevati problemi ai viadotti e, in seguito, si è verificato il crollo in galleria, non ha potuto portare fuori la propria produzione. Nella notte è stato permesso un trasporto eccezionale, ma è stato necessario chiudere l’autostrada al transito

Dopo settimane di difficoltà, causate dalla chiusura dei viadotti Pecetti e Fado e successivamente dal crollo di una parte di intonaco della galleria Bertè sulla A26, sono ripartiti questa notte i trasporti eccezionali della Baretto Spa di Masone.
La Francesco Baretto, fondata nel 1902, è una società per azioni che opera nel settore della carpenteria medio pesante. Il core business dell’azienda è il settore off-shore ed il settore energetico. Negli anni l’azienda ha diversificato la sua produzione anche nel settore ferroviario e militare operando con i principali clienti a livello nazionale e internazionale e nelle lavorazioni meccaniche di precisione su acciaio e carbonio, acciaio inossidabile e ghisa. L’azienda esporta in tutto il mondo ed è un’eccellenza del territorio. Con la chiusura del tratto ai trasporti eccezionali, rischiava di non poter operare non potendo portare fuori i suoi manufatti. Grazie all’impegno della Regione, ha potuto avere una boccata di ossigeno grazie al via libera per il trasporto eccezionale.

Per permettere il trasporto in sicurezza, è stato necessario, però, chiudere l’autostrada dall’una alle 4 di stanotte. È rimasto chiuso il tratto compreso tra l’allacciamento con la A10 Genova-Savona e Masone, verso Alessandria/Gravellona Toce.

<Un ritorno alla normalità, o quasi – dice l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti che ieri è andato in visita all’azienda-. Autostrade ci ha rassicurato anche sui passaggi successivi, al fine di tutelare i tempi di consegna della merce. Un impegno che, assieme al presidente Toti, abbiamo portato a termine nei giorni scorsi nelle mediazioni con Autostrade per l’Italia>.

<Permettere il transito di questi manufatti nell’ora di minor transito, attraverso due scambi di carreggiata, è un primo segnale di normalità, che scongiura il rischio di perdere commesse determinanti per il futuro di un’azienda leader del settore> ha commentato Benveduti.

In copertina: uno dei giganteschi pezzi che la Baretto produce e deve trasportare

Annunci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: