La Gdf di Genova sequestra 475 siti pirata che vendano capi contraffatti

I finanzieri del Comando Provinciale di Genova hanno sequestrato 475 siti web utilizzati per commercializzare capi contraffatti, in esecuzione di un decreto emesso, su richiesta della locale Procura della Repubblica, dal Tribunale di Genova.

Le indagini sono scaturite da una pregressa attività ispettiva nei confronti di una società genovese fallita, il cui indirizzo del sito internet era stato utilizzato, all’insaputa dell’azienda stessa, per allestire un negozio online di scarpe contraffatte; le Fiamme Gialle genovesi hanno quindi verificato che, in numerosissimi altri casi, i gestori di negozi on-line ospitati su server stranieri utilizzavano indirizzi Internet relativamente ai quali l’originario abbonamento era scaduto (poiché non rinnovato dai titolari per vari motivi: cessazione dell’azienda, fusione con altre società, fallimento), per aprire spazi virtuali di commercializzazione di prodotti riconducibili ai noti marchi “New Balance”, “Gucci”, “Tod’s”, “Hogan”, “Puma”, “Belstaff”, “Moncler”, “Adidas”, “Geox”, “Nike”, “Converse”.

Per accertare l’avvenuta contraffazione delle merci offerte in vendita, i Finanzieri hanno contattato le Aziende titolari dei relativi marchi, le quali hanno confermato la falsità dei prodotti presenti sui siti web.

Con il sequestro e l’inibizione dei siti è stato represso un ingente giro d’affari illecito, considerato che ciascuno di essi proponeva la vendita di prodotti (capi di abbigliamento ed accessori) disponibili in diverse taglie, colori e quantità.

L’attività di servizio svolta dalla Guardia di Finanza di Genova testimonia il costante presidio esercitato sul territorio e in rete, finalizzato a contrastare un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale, in quanto moltiplicatore di illegalità: la contraffazione, infatti, alimenta i circuiti sommersi del lavoro nero, dell’immigrazione clandestina, dell’evasione fiscale e contributiva, del commercio abusivo e del riciclaggio.

Chi acquista merce contraffatta, oltre a commettere un illecito, mette a rischio la propria salute, poiché tali prodotti spesso non rispettano gli standard di sicurezza richiesti dalle normative vigenti.

Lo sforzo operativo delle Fiamme Gialle, in tale comparto operativo, è finalizzato a disarticolare l’intera filiera distributiva delle merci contraffatte e tutelare, quindi, gli imprenditori che operano nel rispetto delle leggi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: