Annunci
Ultime notizie di cronaca

Le orche sono di nuovo uscite dal porto, questa volta senza il corpo del cucciolo

La speranza è che tornino nelle acque dove sono nate e cresciute, dove potranno trovare il cibo che nell’area del porto di Pra’ scarseggia, tanto che gli animali sembrano deperiti

Whalewatch annuncia che i cetacei hanno lasciato l’area del porto di Pra’ nel pomeriggio: <Le orche sono uscite dalla diga alle ore 15:45 circa senza fare ancora ritorno – spiegano a Whalewatch -. La luce scarseggia e a breve riporremmo i binocoli nella sacca per rientrare a casa. La novità è che, a differenza degli altri giorni, sicuramente sono usciti solo i 4 esemplari adulti senza il cucciolo (senza il corpo, che la madre a cercato di tenere a galla per giorni n. d. r.) Non ci rimane che sperare in un risveglio diverso da questi ultimi 9 giorni>.

“Menkab: il respiro del mare”, un’Associazione di promozione sociale ed ambientale, a carattere volontario e democratico senza finalità di lucro, ha intanto registrato e ascoltato le orche presenti nel porto di Pra’. Grazie all’INFN, i suoni registrati verranno poi condivisi tra i centri di ricerca e monitoraggio. L’idrofono fisso posizionato dall’Istituo Tethys registrerà in continuo le comunicazioni del POD (il gruppetto delle orche).

<Molti ci chiedono come sono le vocalizzazioni di questi animali e che tipo di comunicazione effettuano – spiegano a Menkab -. Le orche si affidano ampiamente al suono per l’orientamento, il rilevamento delle prede e per la comunicazione nel gruppo. Diversi tipi di suoni svolgono diverse funzioni per le orche. I clic (clicks) di ecolocalizzazione, ad esempio, vengono utilizzati per l’orientamento e il rilevamento delle prede. I fischi (whistles) sono suoni ad alta frequenza tipicamente usati dalle orche in contesti sociali. Infine le “chiamate pulsate” (pulsed calls) sono suoni comunicativi che si ritiene abbiano un ruolo nel coordinamento dei comportamenti e nel mantenimento della coesione di gruppo. Non abbiamo modo ancora di mostrarvi e farvi sentire la comunicazione di questo specifico POD ma nel video – registrato martedì scorso – potete vedere le orche in movimento e in sottofondo un campione di registrazione acustica tipica di un POD compatto (Registrazione del NOAA). Sperando che questo aiuti a diffondere maggiormente la conoscenza di questa specie, così particolare e difficile nel Mar Mediterraneo>.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: