Annunci
Ultime notizie di cronaca

Un fulmine centra la Lanterna: il simbolo di Genova è spento

Un’altra saetta fa saltare l’asfalto in via Ariosto a Certosa, ancora un’altra ha colpito la rete ferroviaria causando gravi ritardi. Black out in diverse zone della città

Copyright GenovaQuotidiana – Tutti i diritti riservati

Un fulmine ha centrato la Lanterna e allo stato attuale, da alcune decine di minuti, il faro simbolo di Genova è completamente spento, sia l’illuminazione artistica, sia il proiettore che segna la via ai naviganti.

<A causa delle condizioni meteo avverse e temporali previsti, al fine di preservare gli impianti dalle scariche atmosferiche temporalesche, l’illuminazione artistica rimarrà spenta> era stato scritto verso le 20 sulla pagina Facebook del faro. È però spento anche il proiettore, che dipende dalla Marina Militare e non dalla gestione del monumento. La Lanterna è, infatti un faro a ottica rotante, punto di riferimento aeromarittimo.

Foto GenovaQuotidiana, tutti i diritti riservati (come per la foto di copertina)

Diversi sono i sistemi parafulmine che nel corso degli anni sono stati bruciati dalle saette. Un sistema estremamente tecnologico ci sarebbe (quantomeno da provare), ma purtroppo è particolarmente caro e fino ad ora non è stato utilizzato.

Aggiornamento: la Fondazione Labò conferma i gravi danni all’illuminazione

Sempre un fulmine ha causato, a Certosa, in via Ariosto, gravi danni al manto stradale. La saetta ha colpito un tombino. La zona è stata transennata dalla polizia locale.

Ancora una saetta (sugli impianti di circolazione di Voltri) ha causato gravi disagi alla circolazione ferroviaria fra Voltri e Nervi. È successo alle 20 e la circolazione è stata fortemente rallentata per poco meno di un’ora.

La situazione a Principe alle 23:20

Annunci

One thought on “Un fulmine centra la Lanterna: il simbolo di Genova è spento”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: