Fumo delle navi in porto, se il buongiorno si vede dal mattino… FOTO E VIDEO

Stamattina, mentre ancora stava albeggiando, abbiamo seguito l’ingresso in porto della Moby Otta. Il fumo si scorgeva già quando la nave era lontana e non ha smesso di uscire nemmeno quando è arrivata in porto, sotto le finestre del quartiere di San Teodoro. Foto-video racconto

Dal sito Vesselfinder che permette di individuare la posizione delle navi

L’alternativa tra porto e ambiente che alcuni invocano è una prospettiva falsa e strumentale, questo lo diciamo subito. C’è l’elettrificazione delle banchine da fare (e Genova ci sta mettendo troppo tempo), c’è la possibilità (anzi, l’obbligo in porto) di usare carburante più pulito (e più caro, lo diciamo), ci sono le condizioni delle navi. Stamattina è entrata in porto anche la Nuraghes di Tirrenia, dello stesso armatore della Moby Otta che ha rilasciato tutto il fumo sia nero sia bianco che vedete nelle foto e nel video. Anche la Nuraghes ha emesso fumo, ma molto meno e in prevalenza bianco.
Fatto sta che la Moby Otta, che seguiamo da qualche tempo, è tra le navi quella che rilascia più fumo nell’aria. Non l’unica, certo.

Non ci sono solo i traghetti, ma anche le navi da carico e quelle da crociera.
Venerdì scorso, 11 ottobre, ci hanno chiamato per segnalarci un incendio. Il fumo si vedeva dalla parte alta di via San Lorenzo. Siamo scesi al Porto Antico e abbiamo visto che a provocare il fumo non era un rogo, ma una nave Msc.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: