Annunci
Ultime notizie di cronaca

Un altro predone dei Flixbus arrestato dalla polizia locale. I furti sui bus di linea stanno diventando un caso

Il ladro è stato fermato oggi dal personale del I e II distretto in via San Benedetto dove era scappato dopo aver trafugato una valigia dal bagagliaio di un Flixbus al capolinea di via Fanti d’Italia. Gli episodi si stanno moltiplicando. È il secondo arresto dei cantuné in pochi giorni. Una commissario della polizia locale finisce all’ospedale, aggredita dal razziatore

In via San Benedetto l’uomo, un algerino di 34 anni, con precedenti penali, già sottoposto ad obbligo di firma, irregolare sul territorio, è stato fermato da un agente che lo ha rincorso a piedi dopo essere stato richiamato dall’autista del mezzo, raggiunto poi dal collega e dall’equipaggio di un’altra squadra. Sul posto sono arrivati anche alcuni passeggeri inferociti e l’aria s’è fatta pesante. Lo straniero s’è innervosito e ha tentato la fuga un’altra volta, aggredendo una commissario che, però, lo ha fermato insieme ai colleghi.

La donna appartiene al gruppo assunto al primo concorso della polizia locale a cui siano stati ammessi candidati di sesso femminile. Ha fatto poi carriera nel corpo, carriera che concluderà, andando in pensione, il 15 ottobre prossimo. Nonostante l’anzianità di servizio e nonostante abbia scelto il mestiere quando il “vigile” (figura che non esiste più per legge dal 1986, sostituita da quella di agente di polizia locale) era chiamato semplicemente a compiti legati alla viabilità e fosse, quindi, un lavoro ben diverso da quello attuale, la commissario non si è tirata indietro ed è intervenuta con decisione. Ferita, è stata poi medicata al pronto soccorso.

Intanto il ladro, riconosciuto dall’autista Flixbus, è stato prima portato nella vicina stazione dei carabinieri di San Teodoro-Scali per sottrarlo ai passeggeri inferociti, quindi nella sede del reparto Giudiziaria polizia locale in piazza Ortiz (che si è occupata degli atti), dove è stato arrestato. È accusato di furto, resistenza e lesioni a publico ufficiale. Domani si celebrerà la direttissima che dovrà decidere se convalidare l’arresto e le misure cautelari. L’uomo è già gravato di altre misure cautelari in attesa di processo dopo per l’arresto conseguente ad altri reati.

È il secondo predone di Flixbus che viene arrestato in pochi giorni dai cantuné. Il 24 agosto scorso, infatti, il reparto Sicurezza Urbana della polizia locale aveva arrestato un cittadino marocchino di 34 anni, irregolare sul territorio nazionale, che aveva rubato nel bagagliaio del pullman uno zaino. 

Quello del saccheggio dei portabagagli dei Flixbus al capolinea è ormai una piaga ricorrente che si può risolvere solo con l’aumento del personale a terra da parte dell’azienda di trasporto di linea. I furti avvengono infatti quando l’autista controlla i biglietti dei passeggeri prima della salita e perde di vista la “stiva” delle valigie. Sarebbe necessario personale a terra per garantire la sicurezza dei bagagli dei passeggeri della compagnia. L’aumento dei furti sta nuocendo fortemente all’immagine dell’azienda. Molte le testimonianze sui social che parlano di valigie sparite.
Ha fatto il giro del web il video dell’assalto di un pullman verde a Grenoble, in Francia che mostra un gruppo di giovani che portano vie le valigie da un pullman Flixbus in corsa dopo aver aperto il bagagliaio. Il filmato è stato girato durante i festeggiamenti per la vittoria della Francia ai campionati del mondo di calcio. La festa, infatti, era stata caratterizzata da scontri, saccheggi e atti di vandalismo, a Parigi e in altre città. <Il conducente dell’autobus si è subito reso conto del pericolo, non ha fatto in tempo a chiudere il bagagliaio perché voleva portare i passeggeri in sicurezza il più presto possibile – ha fatto sapere Flixbus con una nota -. Si tratta comunque di un incidente eccezionale>. A Genova, però, i furti stanno diventando quasi quotidiani e molti viaggiatori stanno valutando di usare altri mezzi di trasporto.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: