Il meteorologo: “L’allerta arancione è il massimo grado per i temporali”

Saffioti: <Non esiste allerta meteo rossa per i temporali>. L’allerta rossa è solo idrogeologica e può sopravvenire, come spesso accade a Genova, per fenomeni intensi come quello atteso e a seconda delle condizioni del terreno

<Quella arancione è la massima allerta possibile per questo tipo di fenomeni. Non esiste l’allerta rossa per i temporali> lo dice Gianfranco Saffioti, meteorologo tra i fondatori dell’associazione ligure di meteorologia Limet e autore dell’interessante blog-pagina Facebook “Il meteorologo ignorante”.

In sostanza, precipitazioni da allerta meteo gialla possono causare problemi idrogeologici da allerta rossa in particolari condizioni deteriorate o precarie del terreno così come allerta meteo arancioni possono scivolare via con qualche allagamento di ridotte proporzioni se le condizioni del terreno sono ottimali cosa che, è noto, a Genova non accade. In buona sostanza, le scale di allerta sono due, una per le cause e una per i possibili effetti. I meteorologi Arpal stabiliscono l’allerta meteo su cui la protezione regionale stabilisce, anche a seconda delle condizioni geologiche, l’allerta di sua competenza (quello relativo agli effetti). A sua volta il Coc, centro operativo del Comune, in cui c’è anche la protezione civile comunale, stabilisce le disposizioni e i divieti per Genova,

Le previsioni di Saffioti

Dalla sera i primi nuclei d’instabilità si attiveranno a ridosso del cuneese e potranno muoversi verso la costa ligure. La Pianura si accenderà più volte, e in più punti. Lombardia, Piemonte settentrionale e cuneese potranno ricevere rovesci e manifestazioni temporalesche a carattere di nubifragio. Siamo in pianura, e si va sott’acqua con 30 millimetri in 10 minuti. Ma in certe zone, come il cuneese ne sono previsti un bel po’ di più.

Gianfranco Saffioti

Da noi la situazione dovrebbe tendere a peggiorare dopo la mezzanotte quando tutti i modelli vedono un’instabilità maggiormente concentrata tra genovesato e medio ponente. Anche le prime ore della mattina sembrano voler “regalare” i maggiori accumuli tra Voltri/Arenzano e Capo Mele ma aspetterei gli aggiornamenti serali sebbene i massimi precipitativi potrebbero scaricarsi in mare aperto. Occhio anche alla Toscana, tra l’isola d’Elba e la Versilia e al vento. Quello si, certamente forte e intenso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: