Annunci
Ultime notizie di cronaca

La Rsa Amt Filt Cgil Uiltrasporti avverte Amt: “I bus troppo caldi rientreranno in rimessa”

Da giorni, in realtà, saltano le corse. Due i malori degli autisti e anche l’utenza è allo stremo. I sindacati: <Le condizioni di lavoro del personale viaggiante, sono sempre più drammatiche e insostenibili, a causa del parco mezzi oramai obsoleto>

La segreteria Rsa Amt Filt Cgil Uiltrasporti: <Come abbiamo detto all’azienda, gli autisti con i mezzi che non hanno le condizioni climatiche idonee per far proseguire il servizio, devono contattare il centro operativo e chiedere la sostituzione del mezzo con un altro idoneo e se questo non fosse disponibile, il centro operativo deve farlo arrivare al primo capolinea e successivamente farlo rientrare in rimessa>.

<Le condizioni di lavoro del personale viaggiante, sono sempre più drammatiche e insostenibili, a causa del parco mezzi oramai obsoleto, unito alle scelte fatte dall’azienda e dalle Amministrazioni che si sono susseguite> lo dicono alla segreteria Rsa Amt Filt Cgil Uiltrasporti . <Chi ha la responsabilità di risolvere i problemi non è stato in grado di far arrivare nei tempi previsti i 200 mezzi che dal 2013 erano stati conquistati dai lavoratori di Amt – recita una nota della Rsa -. Chi ha la responsabilità di risolvere i problemi, non è riuscito a programmare un efficace intervento sugli impianti di climatizzazione degli autobus. Chi ha la responsabilità di risolvere i problemi, non è riuscito a garantire la sicurezza a bordo dei mezzi, bersaglio oramai, di tutti i balordi che girano in città. Chi ha la responsabilità di risolvere i problemi, non riesce a rifornire di acqua i distributori di bevande nelle rimesse. Le conseguenze delle scelte sbagliate fatte dall’azienda, si stanno ripercuotendo tra i lavoratori, che ogni giorno, lavorano in condizioni climatiche devastanti per la loro salute fisica, dovendo guidare mezzi obsoleti con temperature che vanno oltre i 40 gradi C°, mettendo a grave rischio la loro salute e quella dei passeggeri; non si può dare la colpa aia cambiamenti climatici se gli autobus sono dei forni. E’ da 10 anni che le organizzazioni sindacali chiedono investimenti importanti sulle manutenzioni, sia in termini di nuove rimesse/officine, sia in termini di assunzioni di nuovo personale. Abbiamo anche chiesto che si creasse un polo di manutenzione degli impianti climatici (aria condizionata) con personale Amt attivo 365 giorni all’anno e non conferito anche a ditte esterne per pochi mesi all’anno. Le Organizzazioni sindacali e i lavoratori di Amt hanno sempre dimostrato senso di responsabilità, consapevoli dell’importanza che ha per la città il lavoro che svolgono.  I tranvieri non possono essere anche responsabili dell’erogazione del servizio>.

Annunci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: