Annunci
Ultime notizie di cronaca

I Rolli puntano su social e influencer. È arrivato il momento di curare il passaparola e la promozione tradizionale

Provate a chiedere ai vostri amici non genovesi se sanno cosa sono i palazzi dei Rolli. Avrete la sgradita sorpresa di scoprire che quasi nessuno li conosce. Tursi ha avviato la campagna social, che serve, ma rischia di rimanere per lo più “a uso interno territoriale”. Più utili gli influencer e i post dei turisti. Prima, però, bisogna portarceli e assestare la manifestazione in modo da poterla usare per l’incoming. Ad esempio stabilendo date fisse

Nell’attesa di lanciare una vera campagna di promozione tradizionale sui palazzi dei Rolli (purtroppo semi sconosciuti in Italia e in Europa, provate a chiedere ai vostri amici non genovesi se sanno cosa sono e scoprirete che in pochi ne hanno contezza), magari stabilendo date fisse senza le quali non è possibile alle agenzie preparare una campagna di incoming che va avviata con un anno di anticipo, Tursi accelera con la campagna social. Vero è che sul turismo le pagine social hanno poca influenza, ne hanno molta di più, secondo un sondaggio del portale verticale del Gruppo Antevenio, i siti e le App come Tripadvisor (33%), Booking (26%), Google (16%), Trivago (12%), Edreams & Expedia (6%) e infine i siti delle compagnie aeree (5%). Per darvi una misura di quanto ci sia da lavorare (non solo, ma soprattutto) sul passaparola digitale, su Tripadvisor Roma ha 4 milioni e 467 mila recensioni, Firenze 1 milione e 685 mila, Venezia 1 milione e 388, Napoli 915 mila, Bologna 538 mila, Palermo 427mila mentre Genova meno di 376 mila.

Secondo l’Osservatorio sull’innovazione del turismo digitale, solo il 2% degli italiani tra i 18 e i 75 anni non ha usato internet per nessuna attività relativa alla sua ultima vacanza. Tuttavia c’è anche un “ritorno di fiamma” per il canale fisico: il 31% dei turisti digitali si reca in agenzia per organizzare una vacanza di oltre 3 notti e il 23% prenota presso l’agenzia.

La prenotazione delle vacanze, ormai è un dato assodato, avviene nella quasi totalità online (78%), il rimanente 22% invece si rivolge agli agenti di viaggio o comunque ai canali tradizionali. Ma “online” non vuole dire social: si iscrive ai canali social dedicati a un luogo solo chi conosce la destinazione o chi l’ha già scelta. Spesso gli iscritti sono i cittadini della stessa località.Molto più importante è il passaparola digitale anche attraverso i social. Ma non ha la stessa importanza per tutti i tipi di turismo e per tutte le fasce d’età. Il turismo culturale, che è quello che Genova offre, passa poco per Facebook o Twitter, di più per Instagram, ma sempre in percentuali minori rispetto ad altri tipi di turismo. L’89% dei millennial prenota le vacanze seguendo suggerimenti postati dai coetanei. Ma i millenial difficilmente cercano turismo culturale.
Oltre il 97% delle persone condivide foto e video dei suoi viaggi, creando una rete influente di contenuti, delle vere e proprie storytelling che descrivono giorno per giorno esperienze e sensazioni. Da qui, più che dalle pagine dedicate, può passare il passaparola digitale anche per Genova.

<Quest’anno il comune di Genova mette in campo una ricca e diversificata serie di azioni che rafforzano la comunicazione sul web dell’evento e che aumentano la conoscenza del Patrimonio UNESCO genovese presso un pubblico giovane e abituato a vivere eventi ed esperienze “live” sulla rete – dicono a Tursi -. Queste campagne di comunicazione digitali sono state fortemente volute e finanziate dal Tavolo dell’Imposta di Soggiorno (il tavolo in cui gli operatori dell’ospitalità destinano i 3 milioni e 800 euro – dato 2018 – raccolti con la tassa di soggiorno n.d.r.), per accrescere sempre più l’attrattività turistica dei Rolli Days, quale importante appuntamento della città>.

Una nuova campagna digital per i Rolli Days

La campagna di comunicazione web Rolli Days 2019, dicono in Comune, è affidata all’agenzia DOC e <mira a promuovere l’evento dei Rolli Days e allo stesso tempo il brand Genova, dando risalto e visibilità alla magnificenza di un patrimonio UNESCO unico>.

<La scelta fotografica utilizza immagini realizzate per mettere in luce diversi aspetti e ambientazioni dei Palazzi dei Rolli: dettagli che cedono spazio ad ampie vedute d’insieme, eleganti esterni cittadini e interni preziosi, giardini segreti e particolari artistici – spiegano in Comune -. La campagna si sviluppa su tre temi, con uno stile editoriale emozionale e d’ambientazione, in linea con la scelta stilistica fotografica: particolari preziosi, palazzi da vivere, giardini incantati. Si rivolge a Italia e Francia, in quanto mercato prioritario di prossimità. Il pubblico raggiunto è fortemente targettizzato su interessi specifici verso i viaggi, l’arte e la cultura. È stata avviata all’inizio del mese di aprile e verrà diffusa attraverso la rete Google con banner pubblicitari di diverso impatto e formato, su Facebook con post e video sponsorizzati e attraverso le stories di Instagram. Tutta la comunicazione è in linea con il corporate di Genova More Than This al fine di mantenere continuità con la promozione istituzionale della città. La campagna per i Rolli Days andrà così a rafforzare la comunicazione turistica promossa da Genova>.

Sempre importante (molto più delle campagne social delle pagine dedicate) è il “passaparola digitale qualificato” Per promuovere e valorizzare i Rolli Days e i Palazzi dei Rolli patrimonio Unesco sarà realizzato nello stesso week end un influencer trip, saranno a Genova 5 influencer provenienti da Francia (Adeline e Tony di @onmetlesvoiles), Germania (Dasha @dasha_sky), Inghilterra (Marlene Lee di @cookiesncandies) e Italia (Valeria di @sogni_in_valigia  e Francesco di @francesco_foti).

I #Rollidays social

I #Rollidays verranno raccontata in diretta sui canali social grazie anche alla collaborazione dei Rolli ambassador, influencer locali che ogni giorno, spontaneamente, raccontano la città in rete. Gli ambassador saranno inviati speciali di #genovamorethanthis per raccontare l’evento attraverso i loro profili, coinvolgendo così le loro community.Ad oggi l’hashtag #rollidays conta 13000 foto su instagram, chiediamo a tutti i visitatori di partecipare al racconto collettivo della manifestazione e postare le immagini dei 3 giorni taggandole #rollidays così da raggiungere e superare i 15.000 post.
Sulla pagina Facebook @Genovamorethanthis è stato creato l’evento “Rolli Days Genova – 3, 4, 5 maggio 2019”, un evento coorganizzato da tutte le pagine facebook che partecipano a questo importante appuntamento. Ha già ottenuto oltre 98.000 visualizzazioni  e 4.800 interazioni, testimonianza del grande interesse dei genovesi a riscoprire e vivere il loro patrimonio culturale.

Urban sketchers per i Rolli Days

Armati di taccuini di varie misure e fogge, pennarelli, matite e acquerelli, gli Urban sketchers (disegnatori metropolitani) saranno presenti a questa edizione dei Rolli Days per raccontare attraverso i loro disegni le straordinarie architetture, la bellezza dei palazzi del centro e le ville della nostra città.Gli Urban Sketchers sono un gruppo di persone appassionate di arte pittoriche. L’affermato e poliedrico valore artistico del movimento, l’originale approccio e l’attenzione al territorio e all’ambiente urbano, considerando anche le possibili ricadute nel settore turistico e il nuovo modello di promozione della città di Genova, ha portato l’amministrazione cittadina a promuovere la presenza degli Urban Sketchers all’appuntamento dei Rolli Days che opereranno in alcuni punti della città, in particolare:

Sabato 4 maggio:
– Ore 10-13 Le facciate dei Palazzi di Via Garibaldi
– Ore 14.30-17.30 Palazzo Reale (Via Balbi 10)
– Ore 10-13 Villa del Principe, Piazza del Principe 4
– Ore 14.30-17.30 Palazzo Bianco e il suo giardino

Wikipediani per i Rolli Days

In occasione dei Rolli Days di maggio 2019, la comunità di Wikipedia in italiano, Comune di Genova e Università di Genova organizzano un “edit-a-thon“, ovvero una “maratona di scrittura”, durante la quale i contributori di Wikipedia creano e migliorano gli articoli su un particolare tema. L’idea è di contribuire all’evento dei Rolli Days, convogliando gli sforzi dei Wikipediani nel migliorare le voci sul sistema dei Rolli presenti su Wikipedia.Sabato 4 maggio, i partecipanti potranno visitare alcuni dei Palazzi dei Rolli accompagnati dai divulgatori scientifici; a seguire, avranno a disposizione uno spazio, la documentazione bibliografica e la presenza di esperti per intervenire sulle pagine di Wikipedia che a diverso titolo parlano dei Palazzi dei Rolli.

Wikipedia (https://it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale) è un’enciclopedia on-line libera e multilingue, redatta in modo collaborativo da volontari e caratterizzata da contenuto libero, che cerca di dare un punto di vista neutrale su tutti gli argomenti dello scibile umano. Per raggiungere questo obiettivo, i Wikipediani da sempre cercano la cooperazione di enti e istituzioni culturali che possano aiutare nella diffusione del sapere libero per il pubblico.

Per essere sempre aggiornati segui l’evento facebook “Rolli Days Genova – 3, 4, 5 maggio 2019” e i canali social:

Facebook@Genovamorethanthis

Twitter@genovaeventi

Instagram@Genovamorethanthis

L’hashtag ufficiale della manifestazione è #Rollidays

Detto questo e sulla base delle valutazioni generali esposte nell’articolo, è evidente che lo sforzo social è benvenuto, ma serve potenziare parecchio la campagna internet non social sui Rolli Days e, soprattutto, cominciare (finalmente) la campagna tradizionale per fare conoscere i palazzi oltre Voltri, Nervi, Pontedecimo e Struppa. Non è un caso che le ultime edizioni della manifestazione siano state meno affollate delle precedenti. I genovesi i rolli li hanno visti e rivisti: non c’è più la ressa davanti ai palazzi. Ora bisogna spiegare all’Italia e all’estero l’emozionante viaggio nel tempo che Genova può offrire e, soprattutto, cosa sono i rolli. Lo fanno i castelli della Loira, non c’è ragione per cui non possano farlo i palazzi del patrimonio Unesco Genovese.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: