Annunci
Ultime notizie di cronaca

Rapita, picchiata e sposata a forza in Algeria. Salvata dalla polizia in porto

Cresciuta a Nizza, era stata costretta a forza a sposare un coetaneo algerino non appena raggiunta la maggiore età. Portata nell’entroterra del paese nordafricano, era riuscita a scappare e a tornare fortunosamente in Europa, ma i suoi parenti l’hanno messa in macchina, probabilmente dopo averla picchiata (ha diverse ecchimosi) e la stavano portando all’imbarco del traghetto Cartaghe, ieri in partenza da Genova. Polizia e Guardia Costiera Genovese hanno fermato l’auto su cui la ragazza viaggiava mentre stava per salire sul traghetto, in porto. La giovane, che ha frequentato scuole occidentali in Francia ed è cittadina francese di origine algerina, non voleva arrendersi al matrimonio combinato e, per salvare l’”onore” e riportarla dal marito obbligato, si è resa colpevole di vari reati, tra cui il sequestro di persona. La ragazza, alla vista dei poliziotti e dei militari che la stavano cercando, avvertiti dai colleghi d’Oltralpe, ha cominciato a sbracciarsi e a gridare per richiamare la loro attenzione. Arrestati il fratello e la madre che viaggiavano con lei. La ragazza ha raccontato di essere stata pestata dai parenti. Ha trovato rifugio in una struttura protetta e quindi affidata ad altri familiari estranei alla vicenda.

Annunci

2 thoughts on “Rapita, picchiata e sposata a forza in Algeria. Salvata dalla polizia in porto

  1. A quanto pare non l han salvata la polizia ma le guardie giurate di servizio allo scalo traghetti…..
    Dove avete preso le informazioni ?

  2. L’Auto è stata fermata dalle Guardie Giurate dell’istituto Coopservice presso il Varco “Passo Nuovo”, quindi appena entrata in Porto. Successivamente sono intervenute le ffoo.

    Sempre considerati invisibili… bah, vergognatevi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: