Annunci
Ultime notizie di cronaca

Bucci: “La mia priorità assoluta è la tutela della salute pubblica”

Perché non si è parlato prima delle fibre d’amianto? <Chiedetelo ad Arpal e Asl>. L’agenzia regionale per l’ambiente: <Mai escluso che ce ne potessero essere>

Un piano di cui non si può parlare semplicemente perché non c’è ancora <lo stanno preparando i tecnici non la struttura commissariale> lo ha detto il sindaco e commissario straordinario Marco Bucci in consiglio comunale dopo che i partiti di minoranza lo avevano attaccato sul fatto che non erano state inserite in priorità (in modo da essere discusse) 4 interpellanze di Pd, Lista Crivello, M5S e Chiamami Genova. Ne è nata una discussione in cui il Sindaco ha detto di essersi offeso per la mancata presenza dei primi 3 partiti alla riunione dei capigruppo e questi per la <mancanza di rispetto> nei confronti della minoranza. <L’abbattimento con esplosivo – ha spiegato Bucci – è in discussione come il piano d’emergenza, il documento di valutazione del rischio e il piano ambientale non hanno ancora ricevuto l’autorizzazione>.
A margine del consiglio, ai giornalisti che gli chiedevano come mai fino a qualche giorno fa gli enti preposti alle analisi ambientali dei resti del ponte Morandi avessero escluso la presenza di fibre di amianto, il Sindaco ha risposto: <Chiedete ad Arpal e Asl>.
Durante il consiglio Bucci ha comunque assicurato che detto che la sua priorità assoluta è <la tutela della salute pubblica> di cui, come sindaco, è responsabile.

Arpal, dal canto suo, ha voluto chiarire la propria posizione

Arpal è supporto tecnico impegnato nella gestione dell’emergenza Morandi, e in questi mesi ha soddisfatto le richieste arrivate dai diversi enti competenti, in primo luogo per la sicurezza nei luoghi di lavoro.
A settembre, per conto dei Vigili del Fuoco, insieme ad Asl e Polizia Scientifica, Arpal ha effettuato un sopralluogo, prelevando in via speditiva (perché in zona rossa) alcuni campioni di detriti, che all’analisi al microscopio a scansione elettronica non hanno evidenziato presenza di amianto.
A ottobre, su incarico della Procura, tecnici Arpal hanno raccolto campioni di detriti stoccati nell’area cosiddetta “penisola” ed effettuato un monitoraggio dell’aria: le quattro relative analisi al microscopio a scansione elettronica non hanno evidenziato la presenza di amianto (qui i referti).
La settimana scorsa, su incarico della Procura, tecnici Arpal hanno prelevato 24 campioni relativi alla pila 8, prelevate a diverse quote, procedendo all’analisi con il microscopio a scansione elettronica: 6 campioni hanno evidenziato la presenza di tracce di amianto, con concentrazioni inferiori ai limiti di rilevabilità strumentale pari a 120 mg/kg (qui i referti). 
Si ricorda che, in ogni incontro pubblico, Arpal ha sempre parlato di assenza di amianto nelle analisi effettuate, confermando al tempo stesso però come non fosse possibile escluderlo a priori.
Inoltre, si ricorda che la normativa vigente pone a carico dell’esercente del cantiere la caratterizzazione dei materiali, ai fini della valutazione dei rischi sanitari e ambientali connessi all’attività, da cui discende – fra le altre cose – la presentazione di un piano di monitoraggio ambientale.  
In questo momento Arpal non ha alcuna funzione autorizzativa o gestionale, ma ha il compito di esprimersi, dal punto di vista ambientale, sulla congruità del piano di gestione del rischio ambientale relativo alle modalità di demolizione proposte.  

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: