Annunci
Ultime notizie di cronaca

Minacciò e ferì un 43enne con una punta acuminata, cinquantenne arrestato dai carabinieri

Arrestato e portato ai domiciliai anche un sessantenne che deve scontare 1 anno e 10 mesi di reclusione per furto aggravato continuato in concorso, concorso in falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, falsità materiale commessa dal privato e truffa in concorso

Ieri mattina, i carabinieri della stazione di San Martino, a seguito a ordine di carcerazione, emesso dal Tribunale di Genova, ufficio del giudice per le indagini preliminari che concordava con le risultanze investigative mettendo in chiaro i gravi indizi di colpevolezza, hanno arrestato un 50 anni, marocchino, M.A., pregiudicato, abitante presso una struttura sita in via Nostra Signora del Monte. L’uomo, nei mesi scorsi, aveva aggredito e minacciato di morte un suo connazionale di 43 anni,  al quale, mediante l’utilizzo di uno strumento con punta acuminata, aveva cagionato lesioni giudicate guaribili in 10 giorni. Gli stessi militari sempre in esecuzione di ordine di carcerazione, emesso dall’ufficio esecuzioni penali, hanno tratto arrestato un genovese di 60 anni, G.C., gravato di numerosi pregiudizi di polizia, poiché doveva scontare una pena detentiva di 1 anno e 10 mesi di reclusione, dovendo anche pagare una di  multa di 1.600 euro, perché responsabile dei reati di furto aggravato continuato in concorso, concorso in falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, falsità materiale commessa dal privato e truffa in concorso, reati commessi ia Genova tra il 2014 e 2015. Pertanto, lo straniero è stato associato presso la casa circondariale di Marassi, mentre il 60 enne è stato accompagnato  presso la propria abitazione, dove, sconterà la pena agli arresti domiciliari.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: