Le ultime notizie

I termosifoni si possono accendere in anticipo in casi eccezionali senza ordinanza del sindaco

Il Decreto del Presidente della Repubblica n. 412 del 26 agosto 1993 stabilisce che gli impianti possano essere attivati per 14 ore al giorno dal 15 ottobre al 15 aprile. Nei mesi restanti, senza alcun bisogno di deroga da parte del Comune, il responsabile degli impianti di ogni stabile in città può deciderne l’accensione, in caso di particolari condizioni climatiche, per un tempo massimo di 7 ore giornaliere. L’allerta rossa e le temperature molto al di sotto della media del periodo sono certamente una giustificazione sufficiente

termosifone

L’ordinanza del sindaco serve esclusivamente per estendere, in caso di condizioni atmosferiche particolarmente avverse, il periodo di accensione a pieno regime (14 ore).

In caso di particolari condizioni climatiche, il riscaldamento anticipato è consentito per un massimo 7 ore giornaliere senza necessità di una deroga da parte del Comune.
Con il DPR n. 74/2013 modificato il DPR n. 412/1993
Va ricordato che il D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 è stato modificato dal Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 74, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 149 del 27 giugno 2013.
L’articolo 4, comma 2 del DPR n. 74/2013 stabilisce che “L’esercizio degli impianti termici per la climatizzazione invernale è consentito con i seguenti limiti relativi al periodo annuale e alla durata giornaliera di attivazione, articolata anche in due o più sezioni:
a) Zona A: ore 6 giornaliere dal 1° dicembre al 15 marzo;
b) Zona B: ore 8 giornaliere dal 1° dicembre al 31 marzo;
c) Zona C: ore 10 giornaliere dal 15 novembre al 31 marzo;
d) Zona D: ore 12 giornaliere dal 1° novembre al 15 aprile;
e) Zona E: ore 14 giornaliere dal 15 ottobre al 15 aprile;
f) Zona F: nessuna limitazione.

GENOVA È IN ZONA D

Al di fuori di questi periodi, gli impianti termici “possono essere attivati solo in presenza di situazioni climatiche che ne giustifichino l’esercizio e, comunque, con una durata giornaliera non superiore alla metà di quella consentita in via ordinaria” (comma 3, art. 4).
L’art. 5 del DPR n. 74/2013 dispone, al comma 1, che “In deroga a quanto previsto dall’articolo 4, i sindaci, con propria ordinanza, possono ampliare o ridurre, a fronte di comprovate esigenze, i periodi annuali di esercizio e la durata giornaliera di attivazione degli impianti termici, nonché stabilire riduzioni di temperatura ambiente massima consentita sia nei centri abitati sia nei singoli immobili”.

1 Commento su I termosifoni si possono accendere in anticipo in casi eccezionali senza ordinanza del sindaco

  1. lino.zero@fastwebnet.it

    Inviato dal mio dispositivo Samsung

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: