Cosa fare a Genova Cultura Storia 

Il giardino segreto di palazzo Nicolosio Lomellino oggi aperto alle visite

In un video vi raccontiamo cosa c’è dietro la facciata completamente restaurata di Palazzo Nicolosio Lomellino, palazzo dei rolli in via Garibaldi. Per chi non lo conosce, sarà una sorpresa. Scoprirete cosa c’è sopra la galleria Giuseppe Garibaldi.
È il primo di una serie di servizi sul palazzo. Cogliamo l’occasione per ringraziare per la cortesia il personale che ci ha dischiuso questo mondo al quale si accede entrando dal portone del palazzo e per segnalare la sua grande competenza e professionalità.

(Tutti i contenuti di questo articolo sono soggetti a copyright. Tutti i diritti riservati a Monica Di Carlo per GenovaQuotidiana)

Oggi, apertura mensile di Palazzo Nicolosio Lomellino, con visite guidate al primo piano nobile, al secondo piano nobile e al giardino segreto. Fino alle 18, visite guidate. All’interno del palazzo sarà possibile visitare il primo piano nobile, con le sale affrescate dai pittori secenteschi Bernardo Strozzi e Pieter Mulier, detto “Il Tempesta” (XVII sec); e alcuni ambienti del secondo piano nobile (XVIII sec). Sarà inoltre aperto al pubblico il giardino segreto. Le visite guidate partiranno nei seguenti orari: 10,30; 12,00; 15,00 e 16,30. É gradita la prenotazione. Il costo del biglietto intero per la visita guidata completa è di € 10,00. Riduzioni disponibili per soci Fai, Coop, Touring Club, Giano Club a € 9,00; per studenti e insegnanti a € 5,50. Gratuito per giornalisti con tessera stampa, Soci Unesco, accompagnatore portatore di handicap. Per informazioni e prenotazioni: 010/0983860 (orario d’ufficio) –393/8246228 (prefestivi e festivi).

LA STORIA

Il Palazzo venne edificato per volontà di Nicolosio Lomellino tra il 1563 e il 1569 circa, su progetto dell’architetto lombardo Giovanni Battista Castello detto il Bergamasco. Nel 1550, per rispondere all’esigenza di alcune famiglie aristocratiche genovesi, venne disegnato un nuovo asse viario – l’odierna Via Garibaldi – per congiungere il centro medievale e le aree a levante, dando vita così ad un nuovo quartiere di magnificenza. L’antica ‘Strada Nuova dei Palazzi’ di fatto divenne una zona elitaria, dove l’aristocrazia della città, appagando il proprio desiderio di autocelebrazione, fece a gara nel commissionare eleganti dimore ai più importanti architetti del tempo, che poterono qui sperimentare soluzioni innovative e aggiornate. Il lotto su cui sorge il nostro edificio, suolo pubblico già di Luca Grimaldi, era stato in un primo tempo acquistato dalla famiglia Gentile nel 1559, in occasione della prima asta pubblica dei terreni; passò quindi ai Lomellino nel 1563, che iniziarono subito la campagna dei lavori. Il committente Nicolosio Lomellino aveva accumulato un’ingente fortuna investendo, insieme al fratello Francesco, nella redditizia pesca del corallo nell’isola tunisina di Tabarca. Secondo l’ultima ricostruzione di Pesenti il Palazzo venne acquistato nel dicembre del 1609 da Luigi Centurione, mentre il passaggio ai Pallavicini è stato datato correttamente al 1711, grazie al ritrovamento di nuove carte d’archivio (Manzitti, Priarone c.d.s.). Dopo una breve parentesi di proprietà Raggi, nel 1865 il barone Andrea Podestà, figura di spicco della Genova del tempo e per ben tre volte sindaco della città, acquisì l’immobile, che per discendenza diretta è pervenuto agli attuali proprietari.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: