Da Parigi ai carruggi: H-Ombre nella galleria “Le Tracce” di via San Bernardo

12208511_10205145189055446_749225723368892771_n

Giorgio Fracassi, Sergio Leta, Filippo Nicotra, tre pittori, tre stili diversi e l‘idea comune di rappresentare la figura umana. Insieme compongono il gruppo H-ombre. Dopo due mostre a Parigi e una a Reggio Emilia, espongono fino a sabato 14 novembre nella galleria d’arte “Le Tracce” di Roberto Abbona (nella foto, secondo da sinistra, insieme agli artisti), in via San Bernardo.
<H-ombre ovvero “uomo” in spagnolo; ma anche “ombre”, in italiano; poiché, secondo un mito greco ripreso da Plinio, fu una donna di Corinto a inventare la pittura, tracciando il profilo dell’ombra dell’amato per conservarne il ricordo prima della sua partenza> spiegano gli artist, dicendosi <Fiduciosi ancora nelle possibilità del mezzo, antico, “povero” e concettuale, il tema della figura viene affrontato nelle sue molteplici accezioni: il corpo isolato o in rapporto con lo spazio  – il “chiuso” delle stanze, lo spazio “aperto” della città) – oppure il corpo in quanto carne, seduttivo o grottescamente repellente, il corpo come insieme di linee forme e colori ma anche testimone del trascorrere del tempo e dunque “luogo” di memoria e di metamorfosi>.
Un occhio rivolto al presente (il dialogo e l’apertura agli altri media: la fotografia, internet, l’illustrazione), come possibilità di contaminazione del linguaggio pittorico e di arricchimento espressivo; un occhio all’arte del passato (anche prossimo), rivendicando appartenenza e continuità; il “terzo occhio” invece è rivolto all’ interiorità.
<Pur partendo dalla rappresentazione del corpo umano come tema comune – dicnono gli artisti -, si mantiene una pluralità di vedute con una pittura dai diversi registri stilistici: a tratti realistica a tratti simbolica con accenti espressionistici, che spesso e volentieri sconfina nel fiabesco e si serve dell’ ironia per raccontare il dramma dell’assurdo. Frammenti di specchio in cui lo spettatore possa cercarsi: de te fabula narratur>.

La mostra è visitabile il lunedì dalle 16 alle 19,30 e da martedì a sabato dalle 10 alle 12,30 e dalle 16 alle 19,30.

12109778_961017873944774_5169712713967721976_o

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: