Cronaca 

Chris morto per emorragia interna in tarda mattinata, ma l’allarme è scattato solo alle 17

L’incidente era avvenuto il giorno di Ferragosto. Il ventiseienne Christopher Osoyoba era stato trovato a venti metri dall’autocarro, rimasto in bilico sul ciglio della ripida strada che conduce all’agriturismo dove, pur avendo un lavoro a Piacenza come autotrasportatore, tornava a fare qualche lavoretto nei giorni di festa

L’autopsia ha confermato l’ipotesi della morte a seguito dell’incidente. L’emorragia sarebbe sopraggiunta a seguito dei molti traumi subiti dall’uomo a seguito del ribaltamento dell’autocarro con cui l’azienda agricola andava a prendere i visitatori che partecipavano a cene e iniziative. Una strada sterrata a forte pendenza.

Christopher Osoyoba era stato accolto, in passato, nell’agriturismo in cui poi aveva lavorato a lungo prima di trovare lavoro come autotrasportatore. Non è chiaro se stesse lavorando in nero o se stesse semplicemente aiutando gli amici, titolari dell’azienda che allo stato attuale sono indagati per omicidio colposo.

A occuparsi delle perizie sul mezzo che si è ribaltato è la Asl. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Giovanni Arena.

C’è da chiarire perché il corpo del giovane sia stato trovato così lontano da quello in cui il mezzo si è ribaltato e perché l’allarme sia scattato solo alle 17 quando, invece, l’incidente sarebbe avvenuto in tarda mattinata.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: