Italia e Mondo 

Cadavere di una donna trovato in una pozza di sangue. Indagano i Carabinieri

Il magistrato di turno ha aperto un fascicolo per omicidio

La donna uccisa sarebbe una trentacinquenne di origine albanese. Il cadavere è stato trovato alle 2 di stanotte, seminudo. Portava i segni evidenti di una feroce aggressione, forse a scopo di rapina, forse di violenza sessuale. La trentacinquenne era in una pozza di sangue. Sul collo aveva segni di strangolamento, ma anche ferite, non è ancora chiaro se da arma da taglio o da arma da fuoco. Non è escluso che la donna esercitasse la prostituzione e che sia stata uccisa da un cliente, ma non è l’unica ipotesi al vaglio. Secondo le prime informazioni, sarebbe stata finita con un colpo di pistola o un colpo di arma bianca, ma sul posto non sono stati trovati né armi né bossoli né coltelli e questo fa pensare che sia stata uccisa altrove e poi abbandonata sul greto del fiume. Sarà l’autopsia disposta dal magistrato Monica Burani e affidata al medico legale Susanna Gamba ad accertare le cause della morte.

È successo sul greto del torrente Parmignola, a Marinella di Sarzana, nell’estremo levante ligure.

La donna non aveva con sé né documenti né effetti personali.

Articolo in aggiornamento

Articolo in aggiornamento

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: