Viene lasciato e diventa l’incubo dell’ex: agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico

crop man grasping hand of woman

Spesso ubriaco, negli ultimi due mesi l’uomo aveva contattato ripetutamente con telefonate e messaggi, offendendola e minacciandola, anche con foto di una pistola. Ha attuato inoltre numerosi appostamenti sotto casa sua, talvolta scavalcando la recinzione del giardino e palesandosi davanti alle finestre. Infine, ha messo in atto il cosiddetto revenge porn: sul proprio stato di whatsapp ha pubblicato alcune foto private che la donna aveva inviato durante la loro love story. Le immagini delle telecamere lo hanno inchiodato alle sue responsabilità

La Polizia di Stato di Genova ha arrestato un uomo di 42 anni su ordine di esecuzione della misura cautelare degli arresti domiciliari, con applicazione del braccialetto elettronico.

All’uomo son stati contestati  atti persecutori, violazione di domicilio e diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti nei confronti della ex fidanzata , conosciuta on-line, con la quale aveva intrapreso una breve relazione, da lei interrotta a gennaio scorso.

Alla fine di febbraio i poliziotti di Cornigliano erano intervenuti presso l’abitazione della donna poiché il 42enne si era palesato in giardino scavalcando la recinzione e, dopo un breve dialogo a distanza, aveva cominciato a prendere a calci l’uscio. Dopodiché era uscito e, inserita la retromarcia alla propria autovettura, si era scagliato in retromarcia contro il cancello del giardino, sventrandolo.

All’arrivo degli agenti l’uomo era già fuggito, ma le sue “imprese” erano state immortalate dall’impianto di videosorveglianza esterno della vittima. 

Dalle risposte della donna alle domande dei poliziotti è emersa la storia di una vera e propria persecuzione da parte dell’ex, che non accetta la fine della loro relazione. L’uomo, spesso ubriaco, negli ultimi due mesi l’ha contattata ripetutamente con telefonate e messaggi, offendendola e minacciandola, anche con foto di una pistola, ha attuato inoltre numerosi appostamenti sotto casa sua, talvolta scavalcando la recinzione del giardino e palesandosi davanti alle finestre. In un’occasione ha compiuto un piccolo atto di autolesionismo davanti a lei per poi passare la notte nascosto nella vettura della donna e ripresentarsi sporco di sangue il mattino dopo. Infine, ha messo in atto il cosiddetto revenge porn: sul proprio stato di whatsapp ha pubblicato alcune foto private che la donna aveva inviato durante la loro love story .

Visto il perenne stato di ansia e paura in cui sta vivendo la vittima che l’ha portata a cambiare le sua abitudini di vita e a controllare continuamente le immagini di videosorveglianza per assicurarsi che il suo persecutore non sia nei pressi di casa sua, visto anche il crescendo di aggressività nei comportamenti del 42enne, il tribunale di Genova, su impulso della Procura, ha  applicato al soggetto una misura detentiva che gli impedisca  di avere contatti con la vittima.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: