PNRR, 3 milioni di euro per il primo lotto di riqualificazione della scuola Doria

Il presidente del Municipio Media Valbisagno Roberto D’Avolio: «Un sogno che diventa realtà grazie alla determinazione del territorio». L’assessore Piciocchi: «Abbiamo ottenuto un risultato importante, per il quale voglio ringraziare, anzitutto, i cittadini di Struppa che, attraverso il Municipio, ci hanno segnalato questa esigenza»

Con il Decreto del 31 gennaio 2021 il Ministero per la mobilità sostenibile ha ritenuto ammissibili e finanziabili, nell’ ambito del bando rigenerazione urbana PNRR, tutti i 10 interventi presentati dal Comune di Genova; fra questi interventi vi è il finanziamento di 3 milioni di euro necessario per il primo lotto di riqualificazione della scuola Doria.

L’assessore del Comune di Genova Pietro Piciocchi, con delega al Bilancio, Lavori pubblici, Manutenzioni commenta: «Abbiamo ottenuto un risultato importante, per il quale voglio ringraziare, anzitutto, i cittadini di Struppa che, attraverso il Municipio, ci hanno segnalato questa esigenza e i miei collaboratori dell’area tecnica che hanno lavorato per la partecipazione al bando del Ministero. La Doria può diventare un polo di straordinario interesse strategico per l’erogazione di servizi ai cittadini. Già dai tempi in cui ero Commissario straordinario dell’istituto Brignole mi volli impegnare per la valorizzazione di questa realtà che, in una sua porzione, ospita anche una residenza per anziani. Da assessore, quindi, provo una gioia ancora maggiore nel concorrere a dare attuazione a questo progetto che arricchirà questo compendio con una scuola di ultima generazione».

«È con immensa gioia – dice D’Avolio – che, come Presidente di Municipio, vi comunico che la nostra richiesta di finanziamento al Ministero per la realizzazione del nuovo plesso scolastico della Doria è stata accettata. Un sogno che diventa realtà grazie all’azione congiunta di un’intera comunità che si è mobilitata per realizzare un importante obiettivo che, come Municipio, ci eravamo posti da inizio mandato. Nel giro di pochi anni daremo vita a un istituto funzionale e accogliente in cui le future generazioni potranno crescere e maturare nella consapevolezza che la loro scuola è parte integrante di un quartiere vivo e capace di lottare con determinazione per il bene dei propri ragazzi. Nei prossimi mesi lavoreremo con l’istituzione scolastica e con il territorio per condividere il più possibile la progettazione, dando vita a un vero percorso partecipato che faccia sentire ancora di più nostro, se mai ce ne fosse bisogno, questo splendido edificio».

Anche la Dirigente dell’Istituto Comprensivo Molassana – Prato, Maria Teresa Vacatello esprime soddisfazione «Come dirigente ma anche come cittadina del territorio. L’edificio ha delle grandi potenzialità che consentiranno alla scuola di esprimere al meglio le azioni formative per gli alunni».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: