Quattordicenne arrestato dai Carabinieri per rapina aggravata e atti persecutori

I fatti sono avvenuti nel novembre scorso nello skate park di Pra’, ai danni di uno studente anche lui minore e ai danni di un altro minore, stalkerizzato dal luglio scorso. Il 14enne, per una precedente misura, era già affidato a una comunità dalla quale si era allontanato. Nonostante la giovane età ha già un curriculum criminale “di tutto rispetto”. È finito al carcere minorile di Torino

I Carabinieri della Stazione di Pegli hanno dato esecuzione alla misura cautelare del collocamento in comunità, emessa dal G.I.P. del Tribunale per i minorenni di Genova e richiesta della Procura della Repubblica per i minorenni di Genova, a carico di un minore in quanto indagato per rapina aggravata e atti persecutori.

I fatti dai quali hanno preso avvio le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Francesca Sussarellu, fanno riferimento ad un’aggressione avvenuta all’inizio di novembre 2021, nello skate park di Pra’, ai danni di uno studente minore. Nello specifico la vittima era stata avvicinata da un ragazzo che armato di coltello gli aveva intimato di consegnargli il denaro ed il cellulare in suo possesso ed al suo rifiuto era stato spintonato e malmenato, ma alla fine era riuscito a scappare grazie all’intervento di altre persone e aveva avvertito il 112.

Nel frattempo l’aggressore si era allontanato e all’arrivo dei Carabinieri si era già dileguato. La successiva attività di accertamento svolta dai militari ha poi permesso di identificare l’autore del tentativo di rapina in un giovane studente, 14enne, residente in provincia di Genova, già conosciuto per analoghe segnalazioni di polizia, che, nel corso delle indagini, è risultato anche essere responsabile di atti persecutori nei confronti di un altro minore che dal luglio scorso era stato oggetto di minacce e vessazioni.

Il giovane è stato rintracciato in una comunità fuori provincia dove già si trovava dal mese di dicembre 2021 in quanto indagato per un’altra rapina commessa a Milano.

Successivamente alla notifica del provvedimento di collocamento in comunità si è allontanato arbitrariamente dalla struttura che lo ospitava ed il 13.01.2022 i Carabinieri lo hanno rintracciato presso la propria abitazione di Genova ed in ottemperanza ad un’ordinanza di custodia cautelare che ha aggravato la precedente misura, è stato condotto nell’Istituto penitenziario minorile di Torino.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: