Cantieri del terzo valico, gli abitanti denunciano: «Esplosioni e polveri. Poi ci saranno i treni sotto casa»

Commissione in Consiglio comunale. I residenti chiedono di avere un cambio casa come quelli di via Porro per i cantieri del ponte

I residenti, nel corso della commissione “Territorio e promozione delle vallate” del Comune sul tema “Criticità cantieri nodo ferroviario” che si sta svolgendo stamattina, hanno denunciato polveri ovunque rumori fortissimi, il viavai dei camion senza lavaggio delle ruote, «esplosioni continue anche di notte perché non si riesce a dormire nemmeno con le finestre chiuse», lavori senza i cannoni ad acqua per abbattere la polvere. Temono per eventuali polveri di amianto, denunciano danni a causa della rottura di una tubatura che ha proiettato una valanga d’acqua sulla facciata di un edificio, chiedono sensori di rumori e vibrazioni e hanno paura che le vibrazioni delle esplosioni (che avvengono anche nei giorni festivi) danneggino le loro case. Impossibile stendere all’esterno a causa delle polvere, ma anche frequentare i terrazzi. Un’altra questione è quella del futuro passaggio dei treni a pochi metri dalle cose.
Sono stati molti i residenti della zona che hanno raccontato in collegamento i loro disagi chiedendo ai rappresentanti di Rfi, Cociv e al Comune di mettere rimedio a una situazione che ritengono insostenibile.

Mariano Cocchetti, di Rfi, responsabile del progetto unico del Terzo Valico dei Giovi ha detto che esiste un impegno contrattuale del monitoraggio di polveri e rumori, aggiungendo che se occorre il sistema di monitoraggio attraverso centraline «siamo interessati a farlo». Ha detto anche che le esplosioni – oggetto di autorizzazioni della commissione prefettizia – sono l’unico modo per realizzare gli scavi perché il terreno è particolarmente tenace». Ha anche detto «dobbiamo rendere agli abitanti il programma delle volate con l’utilizzo dell’esplosivo». Si è impegnato ad aumentare la pulizia delle strade e a mettere in servizio i lavaruote per i camion.

Il direttore di tronco Cociv Giuseppe Irace ha detto che i lavaruote sono all’uscita della galleria e ha detto che mai sono stati riscontrati durante i sopralluoghi i disagi denunciati dai cittadini. «Che possa esserci un fastidio non lo dubito . ha aggiunto -, ma non è dovuto a imperizia».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: