Bucci: «Nel 2024 Nautico sarà salone più grande d’Europa e forse del mondo»

Il Sindaco: «Quest’anno 200 barche in più grazie a una nuova darsena e avremo l’anno prossimo tutte le nuove darsene del Waterfront di Levante». Il presidente di Confindustria Nautica Saverio Cecchi: «Quest’anno crescita del settore prevista pari o superiore al 23.8%. Previsione di fatturato: 6 miliardi, pari a quello del 2008» che il settore non era più riuscito a raggiungere

L’obiettivo è quello di riportare il Salone Nautico di Genova a quello che era prima della crisi finanziaria mondiale nel biennio 2007-2008, ben prima del crollo del Ponte Morandi e del Covid, una crisi che durante l’edizione 2007 scoppiò svuotando stand e corsie in un solo giorno e l’anno successivo investì ogni ambito dell’economia. Quel giorno cominciò la crisi anche per la Nautica, che interruppe la crescita a due cifre che durava ormai da anni. All’epoca il Salone Nautico era il più grande del mondo, il salone dei record. Nel frattempo molte cose sono cambiate, i saloni si sono moltiplicati, soprattutto nei mercati emergenti. La risalita è stata lunga e faticosa, sia per na nautica sia per il Salone. L’area fieristica si sta trasformando in waterfront di levante e contemporaneamente a questa edizione del Nautico continuano i lavori.

Per quanto riguarda la Nautica, ha detto oggi all’inaugurazione della kermesse il presidente di Confindustria Nautica Saverio Cecchi, nel 2020, il settore ha aumentato gli addetti del 2,4%. Si parla di 180mila lavoratori in più.
La previsione per il 2021 è quella di toccare i 6 miliardi di fatturato (un dato mai raggiunto dal 2008) con una previsione incremento del 23,8% che Cecchi spera persino di superare.

Il “clima”, quindi, è buono e i lavori per il waterfront garantiranno quel che nel 2008 non serviva e ora è essenziale per l’ospitalità e per fare di nuovo della kermesse il Salone europeo più importante (il reale competitor, il salone di Düsseldorf non è sul mare, con le barche in acqua, mentre Montecarlo è dedicato solo ai grandi yacht mentre Cannes, nonostante gli sforzi e nonostante le molte anteprime, non è mai riuscito ad eguagliare il numero delle barche esposte qui: quest’anno 600 in Francia e più di mille a Genova.

«Non lo chiamerei un salone della ripartenza, ma un Salone Nautico della continua accelerazione, non ci siamo mai fermati, nemmeno l’anno scorso quando c’erano condizioni obiettivamente molto difficili, quest’anno vogliamo far vedere che possiamo volare» dice il sindaco Marco Bucci.

«Nel 2023 sarà tutto pronto per il Salone – conclude il Sindaco -. Nel 2024 si aggiungeranno la Casa della vela e la passeggiata sino al Porto Antico Quindi: tutto quello che serve per il Salone sarà pronto nel 23, tutto il waterfront sarà pronto nel 2024». Quando potremo ambire, oltre al “titolo” di salone più grande del mediterraneo a quello di salone più grande d’Europa e, Fort Lauderdale permettendo, anche del mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: