Raffica di furti a levante: borsetta, bici e braccialetto anti zanzare

I Carabinieri hanno denunciato 5 persone: un minore e un 21enne che hanno portato via la borsa a un donna seduta su una panchina, un 51enne che ha rubato il bracciale in farmacia e una coppia in viaggio di nozze che si era appropriata del velocipede

Ieri pomeriggio i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sestri Levante hanno denunciato in stato di libertà due giovani extracomunitari senza fissa dimora per il furto con destrezza di una borsetta, consumato sul lungomare di Sestri Levante alle 17.00 circa. Gli autori del reato, un minorenne algerino di 17 anni e un 21enne marocchino, entrambi senza fissa dimora, hanno approfittato di un momento di distrazione della vittima, una signora peruviana di 55 anni, per sottrarle la borsetta che aveva momentaneamente appoggiato su una panchina, su cui si era seduta per rilassarsi. Quando la donna si è accorta del furto, i due ladruncoli era già fuori dalla sua portata e la vittima non ha potuto fare altro che chiamare i carabinieri. Immediatamente la Centrale Operativa della Compagnia ha inviato in zona una pattuglia per le ricerche. I militari, avendo intuito che la via di fuga potesse essere quella della Stazione Ferroviaria, si sono diretti allo scalo, fermandoli i due giovani prima che salissero a bordo di un treno diretto a Genova. Erano ancora in possesso della borsa che i carabinieri hanno recuperato e restituito alla persona offesa. I due nordafricani sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per concorso di persona nel reato di furto. Il diciassettenne, su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica dei Minorenni di Genova, è stato collocato in una comunità.
La Stazione Carabinieri di Lavagna invece ha deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Genova tre persone per furto.
Il primo è un 56enne di Lavagna, identificato quale autore del furto di un braccialetto antizanzare del valore di 18 euro circa, asportato il 21 luglio dagli espositori di una farmacia. L’uomo, dopo aver pagato regolarmente alcuni prodotti, credendo di passare inosservato, ha afferrato la confezione del braccialetto, l’ha occultata ed è uscito dal negozio come se niente fosse. Ma l’occhio elettronico dell’impianto di videosorveglianza attivo all’interno della farmacia lo ha colto sul fatto. I carabinieri dopo aver ricevuto la denuncia lo hanno identificato e denunciato alla Procura della Repubblica. Il Lavagnese, pentito, davanti alla contestazione, ha pagato il maltolto di tasca propria.
Gli altri due sono, invece, una coppia di cittadini francesi, marito e moglie di 26 e 33 anni in viaggio di nozze, che l’08 giugno scorso a Sestri Levante, hanno sfilato da un furgone parcheggiato in località Sant’Anna una bicicletta da strada marca Bottecchia del valore di 700. Gli uomini dell’Arma, grazie all’analisi delle immagini registrate dalle telecamere di Sestri Levante e Lavagna, hanno identificato gli autori del furto e recuperato la bicicletta che è stata restituita al legittimo proprietario, il quale nel frattempo aveva sporto denuncia. I militari, nella circostanza, hanno accertato che si era trattato di un furto d’uso. I due transalpini, infatti, avevano rubato la bici solo per raggiungere più velocemente la casa dove si trovavano in vacanza a Cavi di Lavagna, e una volta arrivati l’avevano abbandonata lungo la strada.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: