Il successo de “La congiura del Fiesco”, Schiller, Sciaccaluga e Teatro Nazionale conquistano San Lorenzo

Ieri sera la prima, ora le repliche fino al 4 luglio, ma sono già tutte esaurite. Ormai pochi posti anche per partecipare agli eventi collaterali. La rappresentazione si ispira alla notte di sangue del 2 gennaio 1547, in cui ci fu una rivolta guidata dal Conte di Lavagna Gianluigi Fieschi per spodestare i Doria

19 giugno – 4 luglio 2021 ore 21.30 | Genova Piazza San Lorenzo
La congiura del Fiesco a Genova
di Friedrich Schiller | versione italiana e regia Carlo Sciaccaluga
con Simone Toni, Aldo Ottobrino, Barbara Giordano, Roberto Serpi, Irene Villa, Andrea Nicolini, Francesco Sferrazza Papa, Silvia Biancalana, Maurizio Bousso, Marco Grossi, Melania Genna, Chiara Vitiello
scene e costumi Anna Varaldo | musiche Andrea Nicolini
disegno luci Aldo Mantovani | video Davide Riccardi
produzione Teatro Nazionale di Genova

Successo per la prima nazionale de La congiura del Fiesco a Genova di Friedrich Schiller, che ha debuttato ieri in una piazza San Lorenzo trasfigurata da giochi di luce e videoproiezioni. Lo spettacolo diretto da Carlo Sciaccaluga si avvale di uno straordinario allestimento site specific. Balli in maschera e duelli, grandi passioni, rivolte e tradimenti per una storia che ha per protagonista Genova stessa. 

Prodotto dal Teatro Nazionale di Genova sotto la direzione di Davide Livermore, lo spettacolo è presentato in questo particolare contesto nell’ambito dei festeggiamenti per i 70 anni del Teatro, in collaborazione con Comune di Genova e Regione Liguria, e vede Iren come main sponsor.

I 12 attori in scena – Simone Toni, Aldo Ottobrino, Barbara Giordano, Roberto Serpi, Irene Villa, Andrea Nicolini, Francesco Sferrazza Papa, Silvia Biancalana, Maurizio Bousso, Marco Grossi, Melania Genna, Chiara Vitiello – vestiti con splendidi costumi ispirati alla ritrattistica del Cinquecento, realizzati dalla sartoria del teatro e firmati, come le scenografie, da Anna Varaldo, riporteranno in vita i personaggi immortalati nella storia e nella toponomastica della città – i Doria, i Fieschi, i Lomellini, gli Spinola. 

La vicenda narrata da Friedrich Schiller si ispira alla notte di sangue del 2 gennaio 1547, in cui ci fu una rivolta guidata dal Conte di Lavagna Gianluigi Fieschi per spodestare i Doria. Il celebre drammaturgo tedesco, che scrisse questa “tragedia repubblicana” nel 1783 quando la Repubblica di Genova era ancora in vita, mette al centro di tutto la lotta tra potere e libertà. «È una storia che parla dell’ambiguità della politica e di come la nostra sfera privata ed emotiva venga travolta dai grandi eventi collettivi. Degli scontri feroci di una comunità in nome del bene comune. Del rapporto tra l’individuo e la società in cui vive» commenta il regista Carlo Sciaccaluga. «La congiura del Fiescoè lo specchio della nostra città, della sua grandezza silenziosa, del divampare nascosto dei suoi sentimenti».  

Praticamente già esauriti anche i due eventi collaterali legati allo spettacolo:

  • martedì 22 giugno alle ore 19 incontro-aperitivo con la compagnia dello spettacolo nel Chiostro del Museo Diocesano. L’incontro, promosso in collaborazione con il Museo Diocesano e dedicato agli under 35, fa parte del progetto Happy Theatre Hour, realizzato dal Teatro Nazionale di Genova con l’Associazione Club Silencio nell’ambito del bando Open2Change di Fondazione Compagnia di San Paolo e con la sponsorizzazione di Leonardo. Carlo Sciaccaluga e alcuni degli attori saranno intervistati dai GAIS – i Giovani Ambasciatori In Scena del Teatro Nazionale di Genova – e sarà possibile visitare il restauro del mausoleo di Luca Fieschi.
  • martedì 29 giugno alle ore 18 nel Chiostro del Museo Diocesano avrà luogo una tavola rotonda promossa insieme agli Amici del Teatro Nazionale di Genova e in collaborazione con   l’Università di Genova e il Museo Diocesano stesso: la germanista Nicoletta Dacrema, prorettore vicario dell’Università di Genova, Marina Firpo, archivista della Fondazione Conservatorio Fieschi, Paola Martini, direttrice del Museo Diocesano di Genova e il regista Carlo Sciaccaluga converseranno su Il Fiesco, la congiura, le famiglie Fieschi e Doria: i ruoli del potere nella Genova del Rinascimento. Sarà possibile seguire l’incontro in diretta Facebook dalla pagina del Teatro Nazionale di Genova.

La congiura del Fiesco a Genova è presentato dal Teatro Nazionale di Genova in collaborazione con il Comune di Genova e la Regione Liguria. Main partner è IREN. Da parte degli organizzatori un ringraziamento ad Acqua di Genova – la fragranza creata nel 1853 – che in partnership con Profumerie Sbraccia sostiene lo spettacolo.

Lo spettacolo va in scena in Piazza San Lorenzo a Genova fino al 4 luglio 2021. Inizio ore 21.30. Riposo 21, 24 e 28 giugno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: