I Carabinieri sgominano la banda dello shopping “gratuito”

Cinque donne razziavano gli esercizi commerciali della Media Valbisagno grazie a borse firmate schermate in cui inserivano la merce sottratta per uscire indisturbate dai negozi

I Carabinieri di Molassana hanno denunciato cinque donne dominicane con pregiudizi di polizia e di età compresa tra i 30 e 54 anni, residenti nel ponente cittadino che in concorso tra loro e in più occasioni, asportavano merce per un valore di diverse migliaia di euro da esercizi commerciali siti in via Ponte Carrega e dintorni. Le donne, ben vestite e dai modi gentili, operavano tutte insieme ed ognuna con un compito ben preciso. Alcune distraevano le cassiere acquistando articoli di poco valore mentre le altre sottraevano con particolare destrezza capi di abbigliamento occultandole dentro borse griffate debitamente “schermate” riuscendo così ad eludere i sistemi di allarme posti all’uscita degli esercizi di abbigliamento. A seguito dei numerosi ammanchi registrati dai proprietari dei negozi e puntualmente denunciati presso la stazione Carabinieri, i militari hanno acquisito le immagini catturate dal sistema di videosorveglianza degli esercizi e dopo un’analisi certosina hanno cristallizzato le indebite sottrazioni e l’occultamento dei capi di abbigliamento. I fotogrammi estrapolati dai filmati comparati con i cartellini foto-dattiloscopici della Banca dati delle Forze di Polizia hanno permesso di identificare le avvenenti donne componenti della “banda” che dovranno rispondere di “furto aggravato continuato in concorso”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: