Amt rimborsa i pensionati, Atp no. Spi Cgil si rivolge a Bucci per ottenere uguali diritti

Per effetto dell’emergenza Coronavirus il Decreto legge 16 maggio 2020 all’art. 215 prevede per i possessori di abbonamenti annuali ai mezzi di trasporto pubblico la possibilità di ottenere il rimborso per il periodo di lockdown. Ma l’azienda che effettua il trasporto nella città metropolitana esclude gli anziani

Le due aziende del trasporto pubblico locale del Comune di Genova, AMT (trasporto urbano) e ATP (trasporto extraurbano) hanno previsto due applicazioni differenti: AMT ha dato la possibilità di richiedere il rimborso per tutti i cittadini in possesso di abbonamenti, pensionati compresi, mentre ATP solo per studenti e lavoratori.

Per lo SPI Cgil, che si rivolge direttamente a Marco Bucci Sindaco della città di Genova e della Città Metropolitana, avendo il Comune di Genova la proprietà di tutte e due le aziende (AMT al 100%, ATP al 52%), sarebbe corretto che i cittadini tutti, pensionati compresi, avessero diritto agli stessi trattamenti.

<Sarebbe pertanto opportuno che il Signor Sindaco prorogasse i termini di presentazione delle domande in scadenza il 31 ottobre e unificasse i trattamenti per tutti i possessori di abbonamento> dice Camillo Costanzo, responsabile mobilità SPI-Cgil Liguria.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: