Furti al San Martino ai morti Covid, appello di una famiglia: “Rendeteci almeno il cellulare”

Roberto Repetto è morto il 27 marzo scorso. Ladri sciacalli gli hanno portato via anche la fede quando ormai era deceduto. Va da sé che non sono in molti ad avere l’occasione di avvicinarsi a un cadavere infetto

A lanciare l’appello sul piccolo schermo, nel corso della trasmissione “”Chi l’ha visto”, è stata la moglie di Roberto Repetto, morto per Covid al San Martino il 27 marzo scorso. Quando il marito era ormai defunto (in un reparto di isolamento in cui, va da sé, non possono entrare tutti e non ci sono visitatori) qualcuno ha rubato la sua fede nuziale, il suo cellulare e altri effetti personali. Nelle ore successive, qualcuno ha tentato di entrare nell’account Facebook dell’uomo, probabilmente proprio grazie al suo telefono mobile.
Ora la moglie, insieme al cognato, lancia un appello al ladro, chiedendo di riavere almeno il telefono, dove ci sono i ricordi e le foto del marito.
La famiglia si è anche affidata a un avvocato per essere tutelata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: