Navebus, il valzer delle sospensioni, il molo mai reso idoneo e quello mai attivato

Nel 2018 l’allora assessore alla mobilità e a tutt’oggi vice sindaco Stefano Balleari aveva parlato di problemi di costruzione al Molo Archetti che rendevano difficile l’attracco della nave appena si alza il mare. Cosa si è fatto, nel frattempo, in 16 mesi, anche tenendo conto che il servizio, con i problemi di viabilità conseguenza del crollo del ponte, rappresenta una validissima alternativa per chi deve andare a Ponente? Nulla di nulla
Il Pontile di Pra’ secondo Amt è inagibile e pericoloso. È stato fatto qualcosa per attivarlo e allungare la corsa? No

Stamattina il servizio è ripreso alle 6:30 dopo l’interruzione cominciata ieri mattina alle 7:05. Si è interrotto alle 8:17. Cioè appena quanto è bastato per far partire una corsa dal Porto Antico a Pegli e una in direzione opposta.

Vero è che il Mar Ligure, secondo Arpal, è <molto mosso, agitato per onda da WNW (periodo 7/8 s)>. Vero è, anche, che la decisione di partire o no è di totale appannaggio del comandante che è responsabile della sicurezza e la decisione spetta soltanto a lui. vero è anche, però, che il servizio continuamente a singhiozzo è diventato ormai imbarazzante.
Nell’ottobre 2018 il consigliere comunale (all’epoca del Pd, oggi di Italia Viva) Mauro Avvenente aveva presentato un’interrogazione all’allora assessore alla Mobilità e a tutt’oggi vice sindaco Stefano Balleari. Che aveva risposto: <Il molo Archetti ha dei problemi di costruzione che, in caso di mare mosso, rende difficile l’imbarco>. Cosa si è fatto da allora in 16 mesi? La risposta è facile: evidentemente nulla, perché la maggior parte dei messaggi della messaggeria Telegram del Comune Genova Allert, anche d’estate (quando il mare è ragionevolmente più calmo) riguarda proprio le interruzioni di servizio della Navebus. Inoltre non è stato ancora istituito il trasporto di mattina il sabato e nei festivi, quando ci sono turisti che potrebbero prendere il battello per andare a Pegli a vedere la splendida Villa Pallavicini.

C’è poi la questione dell’approdo a Pra’. Il servizio non è stato mai avviato nonostante ci sia il pontile galleggiante, realizzato con 200 mila euro di fondi europei (Por-Fesr 20017-2013) e mai entrato in funzione, a causa di problemi strutturali e di sicurezza. Nel maggio scorso il gruppo consiliare M5S del Municipio VII Ponente Genova aveva depositato un esposto alla Corte dei Conti.

All’epoca, l’inossidabile direttore generale di Amt, che ha resistito ad ogni “vento” politico, aveva risposto per iscritto, affidando la sua risposta a Balleari, che <Il pontile di attracco di Pra’ non garantisce le dovute condizioni di sicurezza poiché lo specchio d’acqua antistante è di ridotte dimensioni, non adeguate a consentire l’effettuazione di manovre di attracco a un natante delle dimensioni come quello utilizzato per Navebus>. Poi che <Il pontile è troppo basso rispetto al limite superiore della murata. Tale dislivello non consentirebbe l’effettuazione in sicurezza delle operazioni di salita/discesa passeggeri> e inoltre che <In prossimità del pontile insiste la foce di un rivo che, trasportando detriti, soprattutto in caso di piogge, renderebbe continue operazioni di dragaggio del fondale>.

Risultato dell’esposto alla Corte dei Conti? Per ora nessuno. Sono stati effettuati interventi per rendere agibile il pontile? No.

Diciamo che né le vecchie Amministrazioni né quella nuova si sono mai fatte in quattro per rendere il servizio efficace.

ORARIO 
– Orario feriale in vigore dal lunedì al venerdì
Porto Antico – Pegli/Molo Archetti:
7.40 –  9.00 – 10.30 – 14.15 – 15.45 – 17.20 – 18.40
Pegli/Molo Archetti – Porto Antico:
7.05 – 8.15 – 9.45 – 11.15 – 15.00  – 16.30 – 18.00

– Orario del sabato e festivo
Porto Antico – Pegli/Molo Archetti:
14.00 – 15.20 -17.00 -18.20
Pegli/Molo Archetti – Porto Antico:
14.40 – 16.10 – 17.40 – 19.00

Aggiornamento: il servizio riprende oggi, 18 febbraio, alle 14:15

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: