Annunci
Ultime notizie di cronaca

Il punto sulle conseguenze del maltempo: 465 millimetri d’acqua a Mele, vento a 135 km/h

Le frane, le esondazioni, i disagi. Ora strade Provinciali tutte percorribili.
Una donna e suo figlio sono rimasti bloccati in casa a causa di uno smottamento in via Vesima: sono in corso le operazioni per permettere loro di uscire, ma non sono in pericolo e la situazione è sotto controllo

 Il maltempo atteso sulla Liguria si è concentrato soprattutto sul ponente genovese, da Varazze verso i quartieri occidentali del capoluogo, nelle prime ore della mattina, con diversi disagi e allagamenti, ma nel complesso il territorio ha retto l’impatto della pioggia, nonostante la grande abbondanza delle precipitazioni. A Mele sono caduti 465 millimetri d’acqua in 24 ore. Prima di questa notte a Mele erano caduti 903 millimetri dall’inizio dell’anno: in una notte è arrivato a terra il quantitativo di pioggia di 5/6 mesi.

A Pegli sono caduti 18.6 millimetri d’acqua in 5 minuti tra le 4.50 e le 4.55: sono valori definiti “tropicali” dai previsori.
Forti anche le raffiche di vento: a Fontanafresca, sopra Sori, gli anemometri si sono fermati a 135 km orari, mentre i voli diretti a Genova da Roma e da Francoforte e Parigi sono stati dirottati, sempre a causa del vento che, in pista, soffiava fino a 70 km l’ora.

Nella notte si sono verificati i primi problemi alle linee ferroviarie tra Cogoleto e Arenzano: sulla tratta la circolazione è stata bloccata tra le 5 e 6 di questa mattina a causa dell’allagamento dei binari, della stazione di Cogoleto e dei sottopassi. La circolazione è poi ripresa regolarmente. La pioggia ha causato l’allagamento di diversi sottopassi cittadini in vari punti a Pegli e a Voltri, rendendo necessaria la chiusura del casello autostradale di Pegli, sia in entrata che in uscita; la momento il casello è stato riaperto.

Circa 400 utenze hanno registrato una interruzione dell’energia elettrica nella zona tra Tiglieto e Rossiglione.

Numerose le frane sul territorio: le più significative al momento segnalate sono quella sulla strada dell’Acquasanta tra Genova e Mele (al momento è in corso il ripristino del transito da parte di Aster) e quella in via della Madonnina a Cogoleto, su una strada interna. 

È stata invece interrotta, attorno alle 9 del mattino, la percorribilità della Provinciale

456 all’altezza di Campo Ligure, a causa dell’esondazione dello Stura. Al momento la situazione è rientrata e la strada è percorribile.
“Questa è la prima importante allerta della stagione autunnale e, per la quantità di pioggia caduta, il territorio ha retto. Le previsioni come al solito sono state accurate e precise fino al dettaglio. Non si segnalano danni a persone e credo che sia un buon risultato.– spiega il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti –  Si sono verificati degli smottamenti, ma le ruspe sono già al lavoro, i corsi d’acqua si sono significativamente ingrossati, ma l’unica esondazione è stata quella dello Stura. C’è stato naturalmente qualche disagio alla circolazione, soprattutto ferroviaria, come preventivato. In questo caso si è corsi rapidamente ai ripari, attivando gli autobus sostitutivi e la circolazione procede anche se con qualche ritardo”.

“Gli episodi che si sono verificati – commenta l’assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedrone – rientrano in pieno nella casistica più ottimistica per le situazioni dello scenario previsto dal quadro di allerta emesso ieri. È necessario che la popolazione sia consapevole che l’allerta arancione per temporali è il massimo livello possibile per questo tipo di fenomeni, e che si tratta di un livello che richiede una grande attenzione, come anche l’allerta gialla, soprattutto in un territorio fragile come quello della Liguria. La sala operativa della Protezione civile è rimasta aperta per tutta la notte, monitorando la situazione: il lavoro dei tecnici e dei previsori continua per monitorare l’evolversi del maltempo e coordinare gli interventi necessari”.

La Direzione Territorio e Mobilità della Città Metropolitana di Genova, che sta monitorando la rete viabile con l’unità di Crisi del Servizio Programmazione e coordinamento viabilità, ha comunicato nel bollettino emesso alle ore 14 che tutti le Strade Provinciali sono percorribili.

“Stiamo vigilando dall’inizio della Allerta Arancione ossia dalle ore 22 di ieri 14 ottobre – ha dichiarato Franco Senarega, consigliere delegato alla Viabilità dell’Ente – sono stati allertati i referenti di zona, gli autisti dei mezzi pesanti e gli operatori dei mezzi meccanici, affinché, già nella notte controllassero con attenzione le proprie zone di riferimento rimanendo pronti ad intervenire in caso di criticità. Fortunatamente fino ad ora, seppure in alcune zone del ponente si siano registrate precipitazioni importanti, nessun grosso problema sulla rete viabile provinciale è stato registrato e gli interventi di pulizia da pietrisco e fango si sono svolti rapidamente e senza intoppi. Confidando che la situazione rimanga sotto controllo, continuerò a seguire personalmente l’evolversi della situazione, restando in contatto con l’Unità di Crisi fino alle ore 18, ovvero al termine dell’allerta arancione”.​

Annunci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: