Annunci

Mozione M5S per i parchi storici (e le guardie zoofile) approvata quasi all’unanimità a Tursi

Si è astenuto solo il partito del presidente del Municipio Levante, Fdi. La mozione impegna il Sindaco e la Giunta a far rispettare strettamente il regolamento dei parchi storici e a provvedere che <le guardie svolgano in modo costante il loro lavoro di sorveglianza all’interno dei parchi per scongiurare comportamenti inadeguati>

La mozione in consiglio di Maria Tini, Fabio Ceraudo, Stefano Giordano, Giuseppe Immordino e Luca Pirondini (M5S) hanno ricordano che i Parchi di Nervi sono parchi Storici e che la loro tutela è salvaguardata dal Regolamento d’uso dei Parchi Storici Comunali. L’hanno votata tutti, compreso il sindaco Marco Bucci, meno Fratelli d’Italia, il partito del presidente del Municipio Levante Francesco Carleo, la cui direzione aveva provato a intimare alle guardie zoofile di sospendere il pugno di ferro contro i proprietari di cani che non rispettano le regole, pena lo sfratto dalla stanza del Municipio stesso occupata proprio dalle guardie. Sulla vicenda si era scatenata una rovente polemica.
Il capogruppo Fdi Alberto Campanella ha prima provato a chiedere il ritiro della mozione, poi aveva annunciato il voto contrario, infine, in votazione aveva schiacciato il pulsante rosso ma, forse alla luce del verde di tutta la sala, ha cambiato idea modificato il suo voto in astensione, come già si erano espressi gli altri due consiglieri del partito, Valeriano Vacalebre e Sergio Gambino.
<Poiché  la sorveglianza all’interno dei parchi da parte delle guardie zoofile, o della polizia municipale o altre forze dell’ordine – ha detto Maria Tini, che ha illustrato la mozione in aula -, serve a far si che tale  Regolamento venga rispettato, sottolineano che le guardie zoofile sono pubblici ufficiali e gli viene attribuita la funzione di polizia giudiziaria e quindi hanno il diritto/dovere di emettere sanzioni dove necessarie se non vengono rispettate le norme vigenti>. La mozione chiede anche al Sindaco e alla Giunta <di accertarsi che venga rispettato il Regolamento d’Uso dei Parchi Storici Comunali nelle Disposizioni per i proprietari dei cani che prevede di condurre i cani sempre al guinzaglio,  di rimuovere le deiezioni solide e limitare gli effetti di quelle liquide, di fare in modo che loro cani non urinino sui prati, arbusti o altra vegetazione per evitare che l’alta concentrazione di azoto dell’urina “bruci” la vegetazione stessa e, infine, che provvedano ad impedire ogni tentativo di escavazione del terreno>; <Di provvedere che le guardie zoofile, o chi per esse, svolgano in modo costante il loro lavoro di sorveglianza all’interno dei parchi per scongiurare comportamenti inadeguati da parte dei frequentatori e dei proprietari dei cani e che, in caso di inadempienza, come previsto dal Regolamento d’Uso dei Parchi Storici Comunali, procedano a comminare le sanzioni di legge, previste dallo stesso all’articolo  9 comma 4>.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: