A26 in tilt: sono 16 i km di coda verso Genova e 8 verso nord a causa di un cavo strappato da un TIR

Coda di 16 km tra Ovada e Bivio A26/A10 Genova-Ventimiglia per Traffico Congestionato in direzione Voltri. In direzione nord coda di 8 km tra Bivio A26/A10 Genova-Ventimiglia e Masone per traffico congestionato. Inoltre: coda di 1 km tra Bivio A26/Diramaz. A7 Milano-Genova e Masone per lavori. Il congestionamento del traffico è stato causato da problemi in due gallerie: la Risso, dove è stato necessario mettere in sicurezza un cavo pericolante, e la Madonna delle Grazie II, dove è attivo un cantiere.

In A7: coda di 1 km tra Genova Bolzaneto e Busalla per lavori.

Aggiornamento ore 9:15 da Aspi – «Alle 8 circa, sull’ autostrada A26 Genova Voltri-Gravellona Toce, tra Masone e l’allacciamento con la A10 Genova-Savona in direzione Genova, sono state portate a termine le operazioni di ripristino dei cavi della volta all’interno della galleria Massimo Risso probabilmente divelti da un mezzo pesante in transito. Nella galleria il traffico transita in doppio senso, per consentire l’intervento dei tecnici è stato necessario attivare un senso unico alternato. Al momento si registrano 12 km di coda in diminuzione verso Genova»

Aggiornamento: «In base alle verifiche effettuate – spiega Francesco Sapio, direttore del 1° Tronco di autostrade per l’Italia – il distacco del cavo questa mattina all’interno della galleria Massimo Risso sull’autostrada A26 Genova Voltri-Gravellona Toce, tra Masone e l’allacciamento con la A10 Genova-Savona in direzione Genova, è stato con ogni probabilità dovuto all’urto da parte di un mezzo pesante in transito».

«Aspi – conclude Sapio – conferma che tutti i propri cantieri sono allestiti a norma di legge, nel rispetto del disciplinare dei cantieri condiviso con Polstrada e con tutti gli addetti ai lavori. Da che io sono direttore del 1° tronco di Genova, quindi da un anno a questa parte, episodi di questo tipo sono sempre stati dovuti a comportamenti errati da parte degli utenti o al mancato rispetto delle indicazioni della segnaletica. Per questo invitiamo tutti a rispettare sempre la segnaletica stradale e di cantiere, per la sicurezza dell’infrastruttura e degli utenti stessi».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: