Tentata di imbarcarsi con 100mila euro non dichiarati, sequestro Gdf e agenzia delle dogane

Le operazioni si sono concluse con il sequestro di una somma di denaro pari a 45.000 Euro, corrispondente al 50% del quantitativo di valuta trasportata eccedente rispetto a quanto consentito dalle leggi in materia valutaria

Durante le operazioni di imbarco su una nave in partenza per la Tunisia, i finanzieri del II Gruppo Genova e i funzionari dell’Agenzia delle Dogane di Genova 1, hanno rinvenuto 100.000 Euro di valuta non dichiarata ed occultata tra i bagagli a mano di una passeggera di nazionalità olandese.

Tale normativa ha come obiettivo quello di controllare la regolarità dei flussi valutari, sia in entrata che in uscita dal territorio dello Stato, verificando l’obbligo di dichiarazione da parte di tutte le persone fisiche che detengono “denaro contante” per importi pari o superiori a 10.000 euro. Sono attualmente in corso ulteriori approfondimenti per accertare la sussistenza di un eventuale traffico transfrontaliero di valuta.

L’ attività è stata il frutto dell’analisi dei rischi posta in essere dai funzionari ADM con la collaborazione dei militari del II Gruppo della Guardia di Finanza di Genova.

E’ soltanto attraverso un adeguato sistema di sorveglianza dei confini che è possibile prevenire frodi o alterazioni che potrebbero condizionare lo sviluppo economico delle imprese italiane.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: