Incidente sul lavoro, area sequestrata dalla Guardia Costiera

Gli avventori di un bar hanno visto aggirarsi l’uomo ferito sul ponte Morosini in stato confusionale, con una ferita alla testa e sporco di sangue

Sono stati chiamati i soccorsi, è intervenuta un’ambulanza del 118 ed una pattuglia della Militari della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera; la persona soffriva di amnesia dovute al trauma subito e non era in grado di dare informazioni né sulla sua identità, né su cosa gli fosse accaduto.

Dagli accertamenti immediatamente eseguiti dai Militari, si è constatato che G.H., operaio edile albanese di 53 anni, si era recato in un vicino cantiere dove la sua impresa stava eseguendo dei lavori di ristrutturazione di alcuni locali commerciali – lavorando al controsoffitto con l’ausilio di una scala di circa 2,5 mt di altezza, ne cadeva riportando, come poi accertato dal personale medico, trauma cranico, commozione cerebrale e frattura di un scapola – in quel momento era da solo nel cantiere e nessuno si era pertanto potuto accorgere dell’incidente; l’infortunato è stato ricoverato presso l’Ospedale San Martino.

Il cantiere è stato ispezionato dai Militari della Capitaneria di Porto e dal personale della ASL UOPSAL di Genova, nel frattempo giunto in sito; il locale dell’avvenuto incidente e i materiali/attrezzature contenuti sono stati sottoposti a sequestro per le successive indagini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: