Oggi a Genova 

Piano Carruggi, un condomino di piazza San Giorgio denuncia: «Uno scempio»

Le fioriere, alcune delle quali attrezzate con un sistema di irrigazione ma mai riempite di piante e colme, invece, di rifiuti, dovevano servire da dissuasori. Ma, a quanto sembra, oltre a essere davvero poco consono al contesto, non servono a fermare le auto. E nel centro storico rimbalza un interrogativo: sono state autorizzate dalla Soprintendenza?

Sarebbe davvero curioso, considerate le regole che la Soprintendenza ha sempre applicato, se le fioriere fossero state approvate. Se non ci fosse autorizzazione sarebbe particolarmente grave, perché per realizzare l’alimentazione dell’irrigazione sono anche state alzate le pietre della pavimentazione e sono stati effettuati scavi nel sottosuolo della città vecchia.

La questione delle fioriere del progetto comunale era emersa nei giorni scorsi attraverso un post di un gruppo gruppi Fb dedicato al centro storico, “Pré, Molo, Maddalena“.

«In piazza San Giorgio avevamo i tognolini – scrivono dal civico 32 di piazza San Giorgio -, poi un grande progetto, giorni e giorni di lavori per mettere dei vasi (vuoti) che si spostano senza problemi e che, in più, nella mente di questi amministratori pubblici dovrebbero fare da deterrente al parcheggio. Invece ecco il risultato del “piano caruggi”. Uno scempio a cielo aperto. Una vergogna». Poi le foto. «Nota bene, i fiorellini li hanno messi i condomini dopo mesi di vasi vuoti» finisce la lettera del condominio.

Prima, quando c’erano i tognolini, questo non succedeva. Il peggioramento è evidente.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: