Controllori sui bus notturni, il 21% non paga il biglietto sulle linee urbane

Su quelle extraurbane la percentuale di abusivi si dimezza

Doppia verifica serale ieri a Genova e nel Tigullio. Le attività di controllo realizzate dal personale di verifica di AMT hanno avuto come perimetro l’area di piazza Verdi e De Ferrari per il trasporto pubblico urbano e le località di Chiavari e Sestri per quanto riguarda il trasporto provinciale. I Verificatori di AMT, agenti di polizia amministrativa, sono costantemente impegnati nella lotta all’evasione tariffaria su tutto il territorio, urbano e metropolitano. Un’attività strategica sia per la tutela dei passeggeri che viaggiano correttamente sia per la tutela dell’azienda.

A Genova i 12 VTV impegnati hanno controllato prima la zona di piazza Verdi e Thaon di Revel, registrando dalle 19.00 alle 21.00 i seguenti dati: 821 passeggeri controllati, 102 sanzioni emesse, di cui 36 pagate subito al momento dell’accertamento, per un tasso di evasione riscontrato del 12,4%. In questa prima fase della serata sono state controllate le linee: 14, 17, 18, 36, 45, 82, 84, 86, 87, 356, 480 e 482. Successivamente, alle 21.30, i Verificatori si sono spostati nella zona di De Ferrari. A mezzanotte e mezza l’attività di verifica aveva interessato 708 passeggeri, 150 sanzioni emesse, di cui 38 pagate subito, per un tasso di evasione pari al 21%. Ad essere controllate sono state le linee: 606, 607, 618, 635, 640 e 641.

Nel Tigullio l’attività serale ha impegnato 4 Verificatori che hanno controllato, a Chiavari e a Sestri Levante, le linee 4, 5 e 45 (Chiavari – Sestri Levante – Casarza Ligure), 15 (Chiavari – Genova) e 98 (Santa Margherita – Rapallo – Chiavari – Lavagna – Sestri Levante – Casarza Ligure). Dalle 18.30 alle 00.30 sono stati controllati 194 passeggeri, 21 le sanzioni emesse di cui 9 pagate subito, per un tasso di evasione riscontrato del 10,8%.

La continuità dei controlli e l’impegno nella lotta all’evasione permettono all’azienda di monitorarne costantemente l’andamento e valutare le azioni più opportune a contrasto di un fenomeno che danneggia non solo l’azienda ma tutta la collettività. I controlli sui mezzi pubblici, che comprendono attività ordinarie svolte quotidianamente e verifiche intensive mirate, proseguiranno capillarmente anche nelle prossime settimane nelle diverse aree del territorio genovese e metropolitano. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: