Pfizer ritarda ancora la consegna dei vaccini

Consegnate oggi 48mila dosi sulle 397mila previste per la settimana. L’ulteriore riduzione, secondo il commissario Arcuri, è stata decisa ancora una volta unilateralmente dalla casa farmaceutica statunitense

Dell’ulteriore taglio è stata data comunicazione solo ieri, alle 17, al commissario Domenico Arcuri che ancora una volta biasima la decisione unilaterale di Pfizer, giustificata con la necessità di organizzare il nuovo piano di distribuzione per le prossime settimane.
Le Regioni hanno già chiesto un incontro ad Arcuri. La richiesta è quella di riorganizzare le dosi che arriveranno e quelle già arrivate in modo solidale tra i territori, in modo da mettere rimedio al rischio di non poter fare i richiami alle persone che hanno già ricevuto la prima dose.
<Il ritardo di Pfizer è molto preoccupante. È stato comunicato tutto all’ultimo minuto, se si tratta di un ritardo di una sola settimana le conseguenze potrebbero non essere così gravi. Lo possiamo definire un piccolo rallentamento. L’obiettivo è riuscire a marzo a vaccinare tutti gli ultra-ottantenni e i sanitari. Sono sicuro che ci riusciremo>. Lo ha detto il direttore generale dell’Aifa Nicola Magrini a Radio Capital.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: