Annunci
Ultime notizie di cronaca

Su Facebook nasce iniziativa di volontariato per Coronata. Don Giacomo: “Ci saranno anche i migranti”

Proposta di una residente sul gruppo “Il Mugugno di Coronata”: rimuovere i rifiuti sulla strada
Monsignor Martino interviene: <Se si tratta di dare una mano insieme a quanti vivono sul territorio, i miei ragazzi del San Raffaele saranno certamente con voi. Grazie a questo territorio e a questa comunità che ci ha accolto>. E risponde coi fatti concludendo una giornata caratterizzata dalle polemiche anche locali sul decreto sicurezza

Una collaborazione per il quartiere nata su Facebook con l’obiettivo di ripulire in volontariato via Coronata. Il gruppo sul social si chiama “Il Mugugno di Coronata” ma, a dispetto del nome, è tra i non moltissimi che invece che limitarsi a mugugnare cerca di affrontare i problemi e di risolverli col buon senso. A gestire la pagina è Angelo Spanò, portavoce cittadino dei Verdi, già consigliere provinciale, che però sulla pagina non fa politica, ma impegno civico. Tanto che nel gruppo ci sono anche un consigliere comunale della Lega e un consigliere di Municipio M5S oltre al vice presidente del municipio. Tutti discutono su problemi reali, collaborano a dare informazioni, si fanno gli auguri nelle feste, parlano del tempo. La pagina è una vera e propria piazza di quartiere digitale dove convivono Peppone e Don Camilllo, su opposti fronti, ma accomunati dal comune amore per il territorio.
È lì che stasera, commentando l’articolo di GenovaQuotidiana sulla salata sanzione comminata dalla polizia locale a una persona che aveva abbandonato dei rifiuti ingombranti in corso Perrone, che Anna Caminata, iscritta al gruppo, ha lanciato una proposta: <Non so se avete notato nella curva prima del rettilineo direzione San Raffaele spazzatura insacchettata e dimenticata… e lungo via Monte Guano, dopo capolinea bus, nei pressi della ringhiera, sta crescendo una piccola discarica abusiva… Un po’ in ogni dove compaiono rifiuti. Perché non ci organizziamo come cittadini per giornate ecologiche di pulizia urbana? Che ne dici Angelo?>.
Spanò non se lo fa ripetere due volte, parte subito con l’organizzazione, dice che l’indomani sentirà il responsabile di zona di Amiu per coordinarsi con lui. Nella discussione si inserisce l’account Facebook di Giacomo Martino che ha come icona del profilo un bimbo africano che sventola una bandiera tricolore. È monsignor Martino, meglio noto in città come don Giacomo, il motore del Campus per migranti di Coronata, una bella iniziativa citata ancora oggi dal cardinale arcivescovo Angelo Bagnasco come esempio positivo e virtuoso di accoglienza: <Se si tratta di dare una mano insieme a quanti vivono sul territorio i miei ragazzi del San Raffaele saranno certamente con voi>, annuncia. Risponde Spanò: <
Grazie Giacomo, con l’aria che tira, non osavo chiedertelo> alludendo alle note vicende del decreto sicurezza.<Quando si fanno le cose insieme non ci tiriamo mai indietro… Davvero… Grazie a questo territorio e a questa comunità che ci ha accolto> risponde a sua volta Don Giacomo. Ed è il miglior modo di rispondere alle polemiche che oggi hanno visto scendere in campo anche i politici locali. Chiude la discussione proprio Anna Caminata che l’aveva aperta: <insieme è meglio… sempre!>. E così sia.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: