diritti e sociale 

Dal 2 al 23 dicembre torna a Piccapietra il tradizionale mercatino di San Nicola

È il più grande mercatino natalizio della solidarietà in Italia, l’unico gestito da una Onlus, è il più antico di Genova e dà spazio a oltre 120 associazioni, che in questo modo possono autofinanziarsi e garantire il sostentamento all’intero mondo della solidarietà genovese

Dal 2 al 23 dicembre, in piazza Piccapietra, torna il tradizionale mercatino di San Nicola quest’anno alla sua 33ª edizione

Il progetto “Diversità come valore” proposto da Isforcoop Genova: l’ente di formazione, presente nel quartiere di San Fruttuoso dal 2016 e attivo nel territorio ligure nelle sedi di Genova, Savona e La Spezia da oltre 30 anni, è incubatore di idee e progetti innovativi di inclusione sociale e inserimento lavorativo e socio lavorativo, con particolare attenzione a persone in situazione di svantaggio o a rischio di esclusione sociale.

[Continua sotto]

Quest’anno l’ente, presente al mercatino di San Nicola dal 12 al 21 dicembre, destinerà il ricavato della vendita (a offerta libera) dei manufatti realizzati dagli allievi, in beneficenza al centro antiviolenza Pandora e al Centro Multidisciplinare per la Presa in carico del bambino con Stroke (ictus) pediatrico e neonatale presso l’Unità Operativa di Medicina Fisica e di Riabilitazione dell’Istituto Giannina Gaslini.

«Dopo il successo della passata edizione che ha raccolto oltre 30mila euro da destinare in beneficenza, anche quest’anno l’intero ricavato della manifestazione servirà a sostenere tre progetti in particolare – spiega Marta Cereseto, presidentessa dell’Associazione Volontari Mercatino di San Nicola – Si tratta del centro antiviolenza Pandora e del Centro Stroke dell’Ospedale Pediatrico Gaslini, specializzato nella riabilitazione dei bambini colpiti da ictus in età prenatale, neonatale e pediatrica. Il terzo progetto coinvolgerà ancora una volta la Band degli Orsi, associazione di volontariato in appoggio ai familiari dei piccoli pazienti dell’Ospedale Gaslini, che con i proventi degli scorsi mercatini ha finanziato la “Casetta Rossa” e che anche quest’anno metterà a disposizione i propri volontari per la gestione della cucina e il servizio ai tavoli».

[Continua sotto]

Giovedì 8 dicembre tornerà per le vie del centro il corteo storico con costumi medievali. Saranno ben 147 i figuranti partecipanti che si cimenteranno in danze tipiche e simuleranno duelli con indosso abiti dell’epoca. Alle 10 il lungo serpentone partirà, come da tradizione, da piazza Matteotti e arriverà in piazza Piccapietra per il taglio del nastro, alla presenza delle autorità cittadine.

Al corteo parteciperà anche monsignor Nicolò Anselmi, già vescovo ausiliare di Genova, storico sostenitore di San Nicola e nominato nei giorni scorsi vescovo di Rimini. Oltre ai figuranti dei gruppi storici, parteciperà anche un ospite speciale: Babbo Natale che, a partire dalle 11, raccoglierà le letterine dei bambini.

Il Mercatino di San Nicola è anche sinonimo di buona tavola. Nel fitto calendario degli appuntamenti in programma sono previste sette sagre che proporranno menu tipici e sapori della tradizione.

Si parte sabato 3 dicembre con il bagnun di Riva Trigoso, domenica 4 dicembre è il turno dell’immancabile trippa degli Alpini.

L’8 dicembre, al termine del corteo storico, protagonista della tavola del Mercatino sarà il gulasch.

L’11 e il 12 dicembre torna la sagra della polenta e dei tortelli di Montepegli.

Il 17 dicembre spazio al minestrone alla genovese e al salame di Sant’Olcese. A chiudere il tour delle sagre il 18 dicembre quella a base di tigelle e salumi, rigorosamente accompagnate da vino lambrusco.

Quest’anno il Mercatino coinvolgerà anche alcuni noti ristoratori liguri che si alterneranno nelle preparazioni delle specialità proposte nei giorni della manifestazione. Tra gli altri saranno presenti gli chef dell’Ippogrifo, Zupp, La Rosa di Sussisa e Il Cuoco Pescatore di Recco.

Cresce anche il numero degli espositori: tra i 70 stand ci sarà spazio per nuovi artigiani, curiose attività (tra cui l’animazione per bambini a tema “cartoni animati”) e antichi mestieri, dal ceramista all’impagliatore, dalla ricamatrice al burattinaio. Confermati i laboratori: quelli mattutini per le scuole e, novità di quest’edizione, quelli per realizzare centro tavola natalizi. Come da tradizione, il Mercatino si conferma pet-friendly, con una serie di laboratori e iniziative per intrattenere e divertire adulti e bambini: dopo tre anni di assenza, torneranno gli animali (tre caprette e un asino) tra i banchi della fiera, portati dalla fattoria didattica di Tiglieto.

Grande novità di questa edizione è l’allestimento di tre presepi, due messi a disposizione dall’associazione di Crevari e il terzo realizzato in loco dagli artigiani della Casa-famiglia di Fraconalto.

Anche quest’anno la cucina del Mercatino, in collaborazione con la Società di Mutuo Soccorso degli Alpini, si occuperà dei pasti per le mense dei poveri, che verranno distribuiti in diverse zone della città; chiunque fosse interessato a partecipare all’iniziativa potrà presentarsi ogni mercoledì, giovedì e venerdì al mercatino.

Numerosi anche gli eventi collaterali, che andranno a formare un calendario ricco e variegato.

Sul palco del mercatino salirà il gruppo Folcloristico (2 e 3 dicembre), l’Avantgarde Boyz (4 dicembre), l’All Academy (il 6 dicembre), i Tassi d’Irlanda, Mago Walter e Michela Silvestri (8 dicembre), il Coro Corcontigo e i Frankaruggi (9 dicembre), il Coro di Milano (il 10 dicembre), la Band C. Road (15 dicembre), i Kengo Jumps e Andrea Trabucco (16 dicembre), Buggia Angels Choir e I Piccoli Chitarristi (17 dicembre) e i Quarantagradi (20 dicembre). Domenica 10 dicembre sarà la Giornata dei Bambini, con lo spettacolo dei burattini.

Il Mercatino di San Nicola ha il patrocinio del Comune di Genova e di Regione Liguria

Orario: da lunedì a venerdì h 10/21, nel week-end chiusura h 21.30

Tutte le info: www.mercatinodisannicola.com

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: