Spettacoli 

L’ensemble Graindelavoix porta al Ducale la musica dei tempi di Rubens

Si esibirà per la prima volta a Genova e per la seconda volta in Italia dal 2018, quando fu invitato al Ravenna Festival. Eseguirà il Requiem del compositore Orazio Vecchi, scritto per la commemorazione funebre di Rubens ad Anversa e alcuni madrigali di compositori del tempo, legati alla città di Genova

In occasione della mostra Rubens, l’Associazione culturale Pasquale Anfossi e la GOG, Giovine Orchestra Genovese, in collaborazione con Palazzo Ducale e con il sostegno del console onorario del Belgio a Genova, Gregorio Gavarone hanno organizzato per venerdì 7 ottobre, alle ore 20,30, nel Maggior Consiglio di Palazzo Ducale, il concerto dell’ensemble vocale Graindelavoix di Anversa, uno degli ensemble internazionali più originali e importanti nel panorama della musica antica.

[Continua sotto]

Un evento per celebrare anche in musica, con la musica del suo tempo, il grande Maestro fiammingo e per sottolineare una volta di più il fil rouge che da secoli lega Genova alle Fiandre. L’ensemble Graindelavoix si esibirà con una formazione di 10 cantanti provenienti da tutto il mondo, diretti dal direttore artistico Björn Schmelzer.

Graindelavoix, uno degli ensemble più straordinari nel panorama della musica antica, è una società multidisciplinare con sede ad Anversa, con un fascino per la voce, la genealogia o repertori vocali e le loro relazioni con il corpo affettivo, la storia e il territorio. È stato fondato all’inizio del XXI secolo dall’antropologo ed etnomusicologo Björn Schmelzer. Graindelavoix si è costruito una reputazione come pioniere di un approccio completamente nuovo ai vecchi repertori, con le audaci e spesso controverse interpretazioni come testimoniano le numerose collaborazioni internazionali, residenze, spettacoli e premi CD. Ha vinto il tanto ambito premio Edison, tre Klara Music Awards, il Caecilia Prize della Belgian Music Press e diversi premi da riviste musicali internazionali come Classica Répertoire, Pizzicato e Scherzo. Ha lavorato con la compagnia di danza Rosas di Anne Teresa De Keersmaeker nella produzione di Cesena, presentata in anteprima al Court d’Honneur di Avignone. Crea regolarmente progetti multimediali e interdisciplinari come i film Ossuaires e Muntagna Nera, il ritorno di un famoso club di musica blues della miniera di carbone di Limburg (CD di EMI / Warner);Trabe Dich Thierlein, un’esibizione teatrale di polifonia tedesca dei primi anni del XVI secolo, presentata al Weimar Kunstfest nel 2014. Anche nel 2014 ha creato un’installazione sonora contemporanea dal titolo Maastricht Cryptonomies con i musicisti improvvisati Manuel Mota e Margarida Garcia, nel Servatius Basilica di Maastricht. Si è esibito per l’estate di Anversa, Roma Anversa, il Festival Laus Polyphoniae, Moussem Festival, Conservation of the Desire, Berliner Festspiele, Brooklyn Academy of Music a New York, Alkantara Festival e Gulbenkian Foundation Lisbona, Early Music Festival Utrecht, Roots Festival a Jaroslaw e Wratislavia Cantans a Wroclaw, Festival Alte Musik Regensburg, Kunstfest Weimar Ruhrtriennale 2012 e 2013, Festival de Saintes, Radio France, Festival di Avignone, Concertgebouw Amsterdam, De Doelen a Rotterdam, Bozar Brussels e molti altri. Dal 2015, Graindelavoix è in residenza presso la Fondation Royaumont, vicino a Parigi, offrendo concerti e master class. Nel 2017 ha registrato il cd del Requiem di Orazio Vecchi. Graindelavoix è strutturalmente supportato dalla Comunità fiamminga.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: