Cultura 

Festival di Quarto Pianeta 2022 dedicato a Pasolini

Si concluderanno nei prossimi giorni i laboratori artistici che dallo scorso maggio hanno coinvolto oltre trenta persone – tra pittori, fotografi, scenografi, video maker, tra artisti noti ed emergenti – nel disegnare gli spazi dell’undicesima edizione del Festival di Quarto Pianeta 2022 che si svolgerà dal 15 settembre al 22 ottobre nell’ex Ospedale Psichiatrico di Genova Quarto

XI edizione – dal 15 settembre al 22 ottobre

I laboratori creativi sono stati coordinati e condotti da Alberto Cerchi con la collaborazione di Alessandro Osemont e dall’IMFI, l’Istituto per le Materie e le Forme Inconsapevoli e avevano l’obiettivo di coinvolgere e sensibilizzare soprattutto i giovani al tema dell’“InDifferenza”, che è anche il titolo del Festival di quest’anno.

«L’esperimento tentato quest’anno con l’omaggio a Pier Paolo Pasolini sta producendo una mostra/itinerario visivo su molti piani – racconta l’artista Alberto Cerchi –: quello sperimentale e didattico avviato a maggio che ha visto coinvolti vari soggetti non specificatamente addetti ai lavori, in un processo creativo che parte dalla manipolazione delle immagini e dalla loro composizione, sostanzialmente collages e tecniche miste, ai laboratori a cui hanno partecipato la comunità di San Marcellino coordinata da Lorenzo Penco e singoli come Antonio Mozzo e Myriam Martinez. Si sono create sinergie e intrecci come con il musicista Stefano Bertoli che ha rielaborato immagini da me prodotte con un tappeto sonoro originale, in un video d’arte che verrà proiettato in mostra e dal vivo per l’inaugurazione, durante la quale saranno presenti EgriBiancoDanza con le loro coreografie e movimenti scenici e le letture poetiche di Luigi D’Alessandro

Franco Corsi ha seguito dall’inizio con la sua documentazione video/fotografica e stiamo ancora aggiungendo materiale. Hanno accettato il mio invito a partecipare anche Alberto Terrile, Alessandro Zunino e Carla Iacono, che attraverso la loro arte raccontano tre punti di vista della fotografia, ognuno con una impronta molto personale».

Mentre nella storica sede di Quarto Pianeta si continua a lavorare per l’inaugurazione del 15 settembre, Amedeo Gagliardi Portavoce del Coordinamento Quarto Pianeta aggiunge e spiega come per l’undicesima edizione si sia voluto ricordare la figura di Pier Paolo Pasolini, nel centenario della sua nascita.

 «Quest’anno il titolo del Festival sarà “InDifferenza”, cioè quanto siamo capaci di stare nella differenza e quanto invece stiamo bene nell’omologazione e anche questo è un modo per sottolineare l’importanza di un luogo come questo, che ci auguriamo possa continuare a restare uno spazio di formazione civile e partecipazione democratica aperto a tutta la città, ma per farlo c’è bisogno del contributo di tutti: cittadini e istituzioni che invitiamo a partecipare numerosi al festival»

Il Coordinamento per Quarto, oltre ad evitare che l’ex Ospedale Psichiatrico di Genova Quarto venisse ceduto e alienato, da circa dieci anni contribuisce alla sua rigenerazione organizzando Quarto Pianeta, diversi eventi ed attività, cercando di riconnettere culturalmente questa “periferia” alla città. 

Negli ultimi anni, anche grazie ad ASL 3 è stato aperto lo Spazio 21, le ex cucine: uno spazio dove mettere al centro la cultura della salute come intersezione di discipline diverse, dove i temi dell’urbanistica, dell’ambiente, dell’architettura, della socialità, della medicina, dell’arte e della democrazia si possano arricchire reciprocamente a favore del bene comune.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: