Cronaca 

Carcere di Marassi, detenuto prende a pugni poliziotto penitenziario

Ferragosto incandescente anche nei penitenziario di Sanremo: Un detenuto psichiatrico ha tentato di aggredire il personale con un pezzo di vetro di finestra acuminato. Il sindacato Sappe: «È del tutto evidente che la situazione non è più tollerabile: mentre i vari dirigenti generali erano ad effettuare inutili visite ferragostane negli istituti penitenziari della Liguria, la Polizia Penitenziaria è stata ancora una volta impegnata sul fronte delle criticità prodotte dai detenuti»

Neppure a Ferragosto c’è stata una tregua nelle carceri liguri e ancora una volta il sangue e la violenza hanno contraddistinto una ordinaria giornata di follia nei penitenziari di Marassi e Sanremo. La denuncia è del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, per voce del Segretario nazionale ligure Michele Lorenzo

«A Marassi, un detenuto, al rifiuto di cambiare cella, ha colpito l’agente di Polizia Penitenziaria di servizio al volto. Solamente l’intervento di altro personale ha evitato il peggio ed il detenuto è stato posto in isolamento. Aggressione avvenuta a sole 24 ore dall’ultimo episodio – segnala Lorenzo -. Nel carcere di Valle Armea, a Sanremo, un detenuto, contraddistinto come psichiatrico, anche qui per un banale rifiuto ad una sua richiesta, ha tentato di aggredire il personale di Polizia di servizio con un acuminato vetro prelevato dalla finestra. Si è dovuto attendere il richiamo in servizio di altro personale per poter ricondurre la calma all’interno dei reparti detentivi. È del tutto evidente che la situazione non è più tollerabile: mentre i vari dirigenti generali erano ad effettuare inutili visite ferragostane negli istituti penitenziari della Liguria, la Polizia Penitenziaria è stata ancora una volta impegnata sul fronte delle criticità prodotte dai detenuti».

«Fino a quando i vertici del Ministero della Giustizia e del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria pensano di continuare a restare a guardare questi gravi fatti con apatia ed indifferenza? Fino a quando assisteranno a questo sfascio dell’ordine e della sicurezza interna provocato dal lassismo di decisione assurde e illogiche, come la vigilanza dinamica e soprattutto l’assenza di adeguati provvedimenti disciplinare e penali per chi aggredisce gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria?”, incalza il segretario generale del SAPPE, Donato Capece, che nell’esprimere vicinanza e solidarietà ai colleghi di Marassi e Sanremo ricorda che proprio qualche giorno fa il SAPPE aveva dato notizia che scenderà in piazza a Roma, a settembre, per sottolineare quanto e come sia importante e urgente prevedere un nuovo modello custodiale. «Le donne e gli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria non possono continuare ad essere aggrediti senza che il Ministero della Giustizia ed il DAP adottino provvedimenti urgenti. Siamo al collasso! Serve una stretta normativa che argini la violenza dei pochi, anche a tutela degli altri detenuti. Il personale di Polizia Penitenziaria è stremato dai logoranti ritmi di lavoro a causa delle violente e continue aggressioni. Se il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Carlo Renoldi non è in grado di trovare soluzioni alla gravissima situazione delle carceri italiane ed alla tutela degli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria deve avere la dignità di dimettersi! Basta!».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: