Chiosco della Marinella, dalle bandiere alle griglie di cantiere è un attimo

Il chiosco che tante polemiche ha suscitato all’apertura, sulla passeggiata di Nervi (in contemporanea ad Euroflora) oggi alle 18 era non solo chiuso, ma anche rinchiuso dietro ai grigliati dei lavori infiniti di ristrutturazione dell’albergo. La foto a sinistra è stata scattata dai proprietari l’8 maggio, quella a destra oggi pomeriggio. Intanto il basilico “ornamentale” sta seccando sugli scogli

Non sarebbe bello scoprire che il servizio aperto in fretta e furia in concomitanza di Euroflora, finiti i giorni di grande afflusso per la floralie, è già stato archiviato, magari per aprire solo la sera o solo nei fine settimana, senza dare un servizio costante. In realtà, se è un bar e ha una licenza di pubblico esercizio l’apertura discontinua non è prevista e se è un esercizio commerciale non può fare mescita.

Il chiosco di legno grezzo non è esattamente una bellezza, ma con davanti le grate aggiunge ulteriore degrado estetico alla passeggiata, già invasa dal cantiere e dagli enormi cartelli pubblicitari “vista stazione” per appendere i quali viene sfruttata l’impalcatura.

Quanto al basilico presentato come elemento di arredo e riqualificazione, è finito a seccare sugli scogli.

A sinistra, il basilico nei vasi, bei giorni scorsi, a destra dove era oggi, gettato sugli scogli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: