Scompare donna Assunta Almirante, il cordoglio degli ex Msi Plinio e Bornacin

Aveva 100 anni ed era la vedova del leader della destra dopo la seconda guerra mondiale, Giorgio. I due esponenti storici prima dell’Msi, poi di Alleanza Nazionale la ricordano nelle sue visite a Genova: «Se ne va una grande donna, una grande italiana, una cara amica. Il suo primo pensiero, giungendo a Genova anche in epoca recente.era per Ugo Venturini, di cui ricorre tra breve l’anniversario della morte»

«La ricordiamo nelle sue presenze a Genova insieme al marito Giorgio Almirante di cui, dopo la scomparsa, ha saputo tenerne vivo l’insegnamento. Il suo primo pensiero, giungendo a Genova anche in epoca recente.era per Ugo Venturini, di cui ricorre tra breve l’anniversario della morte, e per la sua famiglia. Sono già tantissimi i genovesi che ci manifestano il loro vivo cordogliò e quanto prima organizzeremo una Messa di suffragio» dicono Gianni Plinio, ex presidente del consiglio regionale ed ex assessore regionale e l’ex senatore Giorgio Bornacin, a cui Donna Assunta era rimasta molto legata.

Ugo Venturini era un operaio sindacalista ed è morto il 1º maggio 1970, dopo una ventina di giorni di agonia, a causa di una infezione provocata dalla bottiglietta di Coca Cola riempita di sabbia che lo aveva colpito in piena nuca durante un comizio di Almirante a Genova.

Nata Raffaela Stramandinoli, detta Assunta, conosciuta come Donna Assunta Almirante era nata a Catanzaro il 14 luglio 1921 ed è scomparsa ieri a Roma. È stata la vedova del marchese Federico de’ Medici e di Giorgio Almirante, fondatore e leader storico del Movimento Sociale Italiano. È stata da molti considerata la memoria storica della destra italiana.

Dopo la morte del marchese, Assunta sposò nel 1969 Giorgio Almirante in chiesa, con matrimonio tramite rito di coscienza, perché il divorzio non era ancora stato introdotto e anche lui era legato da un precedente matrimonio civile, con Gabriella Magnatti, da cui aveva divorziato in Brasile e dal quale era nata una figlia nel 1949, Rita Almirante. L’irregolare condizione familiare di Almirante venne fatta oggetto di dibattito pubblico nel 1974, in occasione del referendum sul divorzio, quando il MSI prese netta posizione per l’abrogazione di tale istituto giuridico.

Nel 1987 venne eletto segretario del Msi il giovane Gianfranco Fini, “sponsorizzato” da donna Assunta. La morte di Almirante nel 1988, infatti, non ridusse l’ingerenza nella vita del partito di donna Assunta, che ebbe modo di criticare la segreteria di Pino Rauti.

Fortemente critica nei confronti della Svolta di Fiuggi del 1995, con la quale l’MSI-DN diventò in larga parte Alleanza Nazionale, nel 2007 partecipò all’assemblea costituente de La Destra di Francesco Storace, stigmatizzando la fusione di AN con Forza Italia nel Popolo della Libertà e la successiva scissione che portò Fini a fondare Futuro e Libertà per l’Italia.

E’ deceduta a Roma, nelle prime ore del mattino del 26 aprile 2022, dopo breve malattia, nella sua abitazione ai Parioli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: