Centro commerciale da 2mila metri quadrati aperto senza licenza. Sequestrato dalla Guardia di Finanza

Gli uomini del capitano Salvatore Canciello, comandante della Compagnia di Sarzana delle Fiamme Gialle, hanno constatato che erano state abbattute le tramezze dell’edificio che avevano sempre diviso la struttura in diverse attività commerciali di dimensione inferiore. Inoltre erano stati centralizzati i servizi di cassa e assistenza al cliente. Il nuovo allestimento ha dato vita a una grande struttura di vendita, per la quale, secondo la legge regionale, è necessaria l’autorizzazione regionale mentre per i negozi di vicinato basta presentare la “scia”

Nell’ambito dell’attività svolta a vigilanza della corretta applicazione della normativa inerente l’abusivismo commerciale, i finanzieri del Comando Provinciale di La Spezia hanno sottoposto a sequestro un grande centro commerciale di Sarzana. Si tratta di Jajamai.

L’attività investigativa, condotta dai militari della Compagnia di Sarzana con il supporto di personale del Comune, ha permesso di acquisire elementi riguardanti un centro commerciale sito nel territorio sarzanese, che a seguito dei controlli è risultato privo di autorizzazioni idonee allo svolgimento della vendita di prodotti al minuto.

La società infatti, dichiaratasi allo Sportello Unico per le Attività Produttive di Sarzana quale attività di medie dimensioni, all’atto dell’accesso risultava invece esercitare una vera e propria attività nelle forme dei grandi centri commerciali. In particolare, la medesima risultava aver unificato più locali attigui creando un unico grande complesso, attraverso la centralizzazione dei servizi al cliente, di organizzazione e amministrazione dell’attività commerciale.

Infatti, la Legge Regionale nº 1 del 02-01-2007 stabilisce che si considerano “Strutture di Media Dimensione di Vendita” gli esercizi commerciali aventi superficie netta di vendita superiore ai limiti degli esercizi di vicinato e fino a 1500 mq.

Per tali condotte è stata elevata una sanzione amministrativa ammontante nel massimo a 15.000 euro e l’intero stabile del valore di 1.700.000 euro, insieme agli oltre 180.000 oggetti posti in vendita del valore di circa 600.000 euro, sono stati sottoposti a sequestro dai militari in attesa di regolarizzazione da parte dell’esercente. La sanzione è stata immediatamente saldata.

L’operazione si inquadra nel più ampio contesto del contrasto alle pratiche commerciali illegali volto a garantire il corretto funzionamento del mercato e a tutela dei commercianti che operano correttamente.

La struttura, divisa su più superfici, esiste dal 2006 ed è passata di mano diverse volte nel frattempo. Diversi i lavoratori impiegati, almeno una decina. Il Comune di Sarzana e la stessa Guardia di Finanza si sono fatti carico di fornire ai responsabili della società tutte le informazioni perché possa attivare la richiesta di autorizzazione e la conseguente ripresa dell’attività col ritorno al lavoro dei dipendenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: