Caro bolletta, Lalla: «Annullare tutte le voci non relative al consumo di energia

Il Difensore civico regionale avanza alcune proposte per ridurre gli effetti negativi dell’aumento delle tariffe di energia elettrica e gas: togliendo odgs, quote di sistema e altre voci si arriverebbe ad una riduzione del 37% di spesa. Il Bonus energia, inoltre, va esteso alle imprese e al ceto medio già colpiti dalla crisi Covid per arrivare a risparmi complessivi del 70%. Lalla, infine, chiede di dare attuazione alla legge regionale che istituisce le Comunità energetiche

Il Difensore Civico regionale Francesco Lalla interviene sul preoccupante fenomeno del dell’incremento delle tariffe di gas ed energia elettrica e sulle conseguenti richieste di sospendere i pagamenti delle bollette energetiche almeno fino ad aprile 2022.

Francesco Lalla avanza una serie di proposte: «Oltre a dilazionare il pagamento delle bollette insolute fino a 10 rate, è possibile intervenire sulle “voci” che non riguardano la “quota energia”, cioè quella che riguarda il consumo effettivo di luce e gas all’azienda che li fornisce». Il difensore civico spiega: «La quota di Oneri Generali di Sistema (ODGS), le quote per il dispacciamento, la sicurezza del sistema, le imposte erariali, le spese per la gestione del contatore pesano sull’intera bolletta, nel caso ad esempio di un utente domestico “tipo” come definito dall’ARERA, l’Autorità di regolazione del settore, valgono rispettivamente circa il 26%, il 6% per le quote “tecniche” e il 5% le imposte erariali per arrivare, dunque, ad un totale, del 37% della tariffa dell’intera bolletta! ». Secondo Lalla per sterilizzare le bollette da queste quote si potrebbe usare un sistema che ARERA ha già applicato in passato per calmierare altri aumenti sul mercato dell’epoca della quota energia, sfruttando le riserve di cassa della CSEA, la Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali, che è poi il soggetto pubblico che gestisce questi flussi economici, a copertura dei mancati incassi. 

Francesco Lalla suggerisce, inoltre, un secondo intervento che potrebbe contribuire a  mitigare rincari che rischiano di colpire milioni di consumatori e che, attualmente, è riservato a chi si trova oggi in condizioni di disagio economico a causa dall’emergenza Coronavirus: «Si tratta di sfruttare il Bonus Sociale Energia, che ora è previsto  per le famiglie con un ISEE fino a 8 mila 265 euro,  le  famiglie con più di 3 figli a carico e con ISEE inferiore a 20  mila euro e per i titolari del reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza, ma potrebbe essere esteso alle famiglie del ceto medio, alle ditte individuali, piccole e medie imprese!». Secondo il difensore civico si potrebbe, in questo caso, «prevedere l’accesso automatico al Bonus per chi ha perso o perderà il lavoro, per chi ha perso un lavoro “atipico”, per chi si è visto ridurre o sospendere l’orario di lavoro per almeno 30 giorni (ad esempio con la cassa integrazione o altri ammortizzatori sociali), per i lavoratori autonomi e i liberi professionisti che hanno registrato una perdita del fatturato superiore al 33% a causa di chiusure o limitazioni dell’attività dovute alle restrizioni imposte. Considerando che il Bonus sociale copre il 30% della spesa per luce e gas – aggiunge – sommandolo al primo intervento proposto che si applicherebbe a tutti, consentirebbe, a chi oggi versa in condizioni di difficoltà economica una riduzione della spesa per luce e gas di quasi il 70%!». Lalla precisa: «Sicuramente per interventi di questo tipo sono necessari provvedimenti legislativi urgenti che davvero potrebbero portare ad un concreto vantaggio senza determinare impatti rilevanti sul mercato e sul sistema energetico italiano che sono, purtroppo, complessi, delicati e strategici per il Paese, anche facendo leva sulle risorse del  PNRR».

Il difensore civico, viste le criticità provocate sul tessuto socio economico dal mercato energetico, lancia una terza proposta: «Va maggiormente promossa anche per il cliente domestico l’adesione ai” Gruppi di Acquisto Luce e Gas” che ha l’obiettivo di tutelare i consumatori nel cambio del proprio fornitore per ottenere un’offerta conveniente, durevole nel tempo, moderna e con tutte le forme di assistenza che è indispensabile avere in questo settore». Rispetto ai nuovi impianti normativi Francesco Lalla valuta positivamente  l’iniziativa della Regione che, con la legge regionale 13 del 2020,  ha istituito le Comunità energetiche auspicando che questa possa trovare sollecita attivazione:  «Questi enti senza scopo di lucro mirano a superare l’utilizzo del petrolio e dei suoi derivati e di favorire l’autoconsumo di energia prodotta da fonti rinnovabili, ma e fondamentale che gli Enti Locali recepiscano sollecitamente l’innovazione legislativa perché le Comunità energetiche sono un passo importante non solo per l’ambiente, ma anche per i bilanci delle famiglie e imprese che potranno autoprodurre e auto consumare energia in maniera collettiva».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: