Giurisprudenza compatta contro Becchi: «Sdegno e costernazione. Tuteleremo la nostra reputazione»

Dopo il post complottista e no vax dell’ideologo populista e sovranista a commento del decesso di David Sassoli, dopo la presa di posizione di Unige, la Giunta di Giurisprudenza (facoltà in cui Becchi è professore ordinario di Filosofia del diritto) si riserva di «tutelare la propria reputazione» per «garantire il proprio ruolo didattico-formativo»

Si legge in un comunicato dell’Ateneo, sotto la dura presa di posizione già espressa ieri da Unige:

In data 12 gennaio 2022 la Giunta del Dipartimento di Giurisprudenza ha deliberato all’unanimità quanto segue:

«Il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Genova manifesta profondo sdegno nei confronti del messaggio formulato dal Prof. Paolo Becchi a commento della prematura scomparsa del Dott. David Sassoli, Presidente del Parlamento europeo. Esprime costernazione di fronte a contenuti non consoni con il rispetto per le persone e per i fatti che deve informare l’operato di un professore universitario anche al di fuori di contesti accademici. Si riserva di assumere ogni iniziativa idonea a tutelare la propria reputazione e a garantire il proprio ruolo didattico-formativo».

Quanto ai tweet di ieri di UniGe, che prendeva le distanze da Becchi e sconfessava le posizioni no vax contrarie alla scienza, sono centinaia gli inviti, più o meno garbati, ad allontanare il professore dall’insegnamento, a intraprendere iniziative disciplinari, a non lasciare che contamini con le sue bufale no vax sconfessate dalla Medicina gli studenti dell’ateneo. Tra i commenti indignati ci sono quelli di professori (colleghi, quindi, di Becchi), studenti ed ex studenti.

Anche Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ritiene insufficiente quanto scritto da UniGe sulla sua pagina Twitter.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: