Ribaltamento a mare, Pd: «I conflitti d’interesse del “modello Genova”»

Garibaldi e Terrile: «Procedure senza gara, avvisi pubblicati per poco più di dieci giorni, committenti e commissari delle opere che diventano presidenti delle società che poi si candidano a realizzarle. Questo è il cortocircuito che si sta verificando attorno al progetto di ribaltamento a mare»

«Si apprende da Shipping Italy che l’ingegner Marco Rettighieri, che per oltre due anni è stato per nomina del Commissario Bucci il responsabile dell’attuazione del Programma straordinario delle opere portuali, oggi è il Presidente di Webuild Italia, società di costruzioni che si candida a realizzare il ribaltamento a mare del Cantiere di Sestri ponente – si legge in una nota di Luca Garibaldi, capogruppo Pd Regione Liguria e Alessandro Terrile, capogruppo Pd Comune di Genova. Una situazione assurda, che porta la società a dire, in sede di apertura delle offerte, che Rettighieri nella sua prima veste (quella di responsabile del piano) non si fosse occupato della gara, e nella sua seconda veste (quella di operatore privato), non avesse partecipato alla definizione dell’offerta. Un contorsionismo giuridico francamente surreale e che rende ancora più evidente il mix di potenziali conflitti di interesse, la mancata trasparenza, attorno a quello che viene decantato come modello Genova e che spesso sembra più un suq. Attendiamo risposte dal Commissario Bucci, e garanzie di trasparenza e concorrenza nell’interesse della città e di tutto il Paese».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: