Truffe agli anziani, i CC arrestano donna con 1,5 chili d’oro e migliaia di euro

I carabinieri del Nucleo Investigativo hanno individuato e fermato una 27enne che metteva in atto la truffa che prevede un primo contatto telefonico con il “nonno” a cui viene detto che il nipote ha urgente bisogno di soldi per le cure, poi il ritiro di contanti e gioielli

Il fenomeno delle truffe, soprattutto quelle ai danni di anziani, è tra quelli maggiormente in ascesa negli ultimi mesi.  Infatti, la voglia di avere relazioni sociali anche a seguito delle restrizioni della pandemia, spinge tendenzialmente le persone più fragili e sole ad essere più aperte ai contatti umani, divenendo così facili vittime di malintenzionati. Le persone più esposte diventano naturalmente gli anziani che si sentono colpevoli e quasi si vergognano di essere stati vittime di truffa. 

I carabinieri del Comando Provinciale di Genova hanno quindi creato una task force, coordinata dal Reparto Operativo con personale dedicato del Nucleo Investigativo e delle Compagnie per contrastare questa odiosa tipologia di reati. Tra le attività poste in essere dai carabinieri, vi è quella del monitoraggio su strada dei soggetti con pregiudizi di polizia per reati contro il patrimonio, che vengono così osservati e pedinati. 

Proprio in questo modo, i carabinieri del Nucleo Investigativo hanno individuato e fermato una 27enne polacca che operava le truffe con la tecnica del “finto nipote/parente”.

Il modus operandi utilizzato prevede un preventivo contatto telefonico con le persone anziane a cui viene fatto credere di essere un parente che richiede con urgenza denaro e gioielli per coprire spese legali conseguenti ad incidenti stradali  o per acquistare costosi medicinali per guarire dal COVID o per pagare costose cure mediche improvvise. 

La donna, nota ai militari del Nucleo Investigativo in quanto notata in passato in compagnia di un uomo già denunciato per due truffe avvenute a Santa Margherita Ligure e Milano lo scorso luglio, veniva vista a Genova e seguita sino a Rapallo mentre rientrava in un hotel.

Individuata la stanza, i militari vi facevano irruzione e la bloccavano mentre stava per uscire ed allontanarsi con la refurtiva nascosta negli indumenti intimi. 

Venivano rinvenuti quattro involucri contenenti oro, ammontanti complessivamente al peso di circa 1,5 Kg, ed uno contenente denaro contante, per la cifra complessiva di oltre 14.000 euro. 

Veniva quindi eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti della polacca che veniva associata presso il carcere di Genova Ponte decimo su disposizione della dottoressa Saracino della Procura di Genova. 

Le successive indagini sono state volte ad individuare le vittime delle truffe, presumibilmente quattro. Tre sono già state individuate. Oltre al valore economico, per ognuna di loro quegli oggetti rappresentavano ricordi di famiglia di inestimabile valore.

Alcune delle vittime, di età compresa tra i 75 ed 85 anni, invitate in caserme per riconoscere i propri oggetti, si commuovevano, raccontavano la loro storia personale e quella di quei monili di famiglia, ed abbracciavano i carabinieri ringraziandoli per il loro operato. 

Sono in corso accertamenti per rintracciare la quarta persona truffata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: