Cronaca 

Controlli Amt sui bus serali, dopo il tramonto non paga quasi il 20% dei passeggeri

Altri controlli nel pomeriggio in piazza Montano (14,9% di evasione) e sui passeggeri della metro a Brignole, i più virtuosi: solo il 4,3% di abusivi

Verifica ordinaria quotidiana, controlli intensivi, in divisa, in borghese, sui bus, alle fermate: le azioni degli agenti di Polizia amministrativa di AMT si diversificano per essere sempre più efficaci.
Tre gli appuntamenti intensivi che hanno caratterizzato la scorsa settimana, i primi due di tipo tradizionale e il terzo realizzato con una modalità nuova.
La prima delle tre intensive si è svolta lunedì 8 novembre in piazza Montano. 1.118 i passeggeri controllati nel pomeriggio, dalle 14 alle 18 da 18 controllori; 167 le sanzioni emesse di cui 29 regolarizzate subito. Le linee oggetto di controllo sono state le linee 3, 7, 8, 18, 59, 66 e 165. L’evasione misurata è stata del 14,9%.
Mercoledì 10 novembre la verifica è stata fatta al mattino presso la stazione della metro di Brignole. 15 agenti AMT hanno controllato 2.225 passeggeri e riscontrato 96 situazioni irregolari, 15 quelle regolarizzate immediatamente con il pagamento dell’oblazione. 4,3% la percentuale di evasione riscontrata.
Venerdì 12 novembre, grazie al supporto di un bus a disposizione del personale di controllo, la verifica è stata itinerante ed ha toccato diversi punti della rete: Cornigliano, piazza della Nunziata, piazza De Ferrari, Brignole e la Valbisagno. I 13 agenti AMT, in borghese, grazie al mezzo di supporto, hanno potuto effettuare le verifiche anticipando ogni volta il bus da controllare, rendendo così ancora più efficace ed imprevedibile la loro azione di controllo serale. Le linee oggetto della verifica intensiva sono state le linee bus 1, 9, 17, 18, 36, 37, 46, 606, 607, 613, 618, 635, 640, 641 e 663. La verifica è iniziata alle 20:00 ed è terminata all’una e mezza; i passeggeri sui bus controllati sono stati 1.340, le sanzioni emesse sono state 256 per un tasso di evasione riscontrato pari al 19,1%. Le oblazioni pagate subito al momento del controllo sono state 95.
Le costanti azioni di controllo ad alta visibilità da parte dei Verificatori AMT, oltre alla normale attività quotidiana di verifica, permettono di contrastare il fenomeno dell’evasione tariffaria. Tale attività è strategica per l’azienda e tutela tutti coloro che utilizzano correttamente il mezzo pubblico.
Il piano aziendale di controlli sui mezzi pubblici proseguirà anche nelle prossime settimane nelle diverse aree del territorio genovese e metropolitano.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: