Afghanistan, riprendono esecuzioni e taglio delle mani. Foto e video per diffondere il “messaggio deterrente”

Lo ha detto all’Associated Press Nooruddin Turabi, fondatore del movimento dei talebani e ora responsabile delle carceri. Il taglio della testa sarà previsto per i condannati per omicidio mentre ai ladri verranno tagliati gli arti. I talebano stanno discutendo se ripristinare le pene in pubblico (come durante il passato governo dei mullah), ma se così fosse, ha detto Turabi, non è escluso che siano permessi foto e video coi cellulari

Spesso nei commenti sui social di assiste a chi vorrebbe l’introduzione della pena di morte (che peraltro esiste ancora in molti paesi considerati evoluti, come alcuni degli stati Usa) o il taglio delle mani per i ladri. La cosa curiosa è che spesso questi commenti arrivano dai più feroci detrattori del fondamentalismo islamico in Italia.

In un’intervista con Associated Press, il mullah Nooruddin Turabi ha respinto l’indignazione per le esecuzioni dei talebani in passato, che a volte hanno avuto luogo davanti alla folla in uno stadio, e ha messo in guardia il mondo dall’interferire con i nuovi governanti dell’Afghanistan.

«Tutti ci hanno criticato per le punizioni allo stadio, ma non abbiamo mai detto nulla sulle loro leggi e sulle loro punizioni – ha detto Turabi a Kabul secondo quanto riporta “The Guardian” -. Nessuno ci dirà quali dovrebbero essere le nostre leggi. Seguiremo l’Islam e faremo le nostre leggi sul Corano».

I leader dei talebani rimangano radicati in una visione del mondo profondamente conservatrice e intransigente, anche se stanno abbracciando i cambiamenti tecnologici, come video e telefoni cellulari.

Turabi, che ora ha circa sessant’anni, era ministro della giustizia e capo del cosiddetto ministero della propagazione della virtù e della prevenzione del vizio, durante il precedente governo dei talebani.

A quel tempo, il mondo ha denunciato le punizioni dei talebani, che hanno avuto luogo nello stadio di Kabul o sul terreno della moschea di Eid Gah. Le esecuzioni di assassini condannati erano di solito con un singolo colpo alla testa, eseguito dalla famiglia della vittima, che aveva la possibilità di accettare “soldi insanguinati” e permettere al colpevole di vivere. Per i ladri condannati la punizione era l’amputazione di una mano. Ai condannati per rapina in autostrada sono stati amputati una mano e un piede.

I processi e le condanne erano raramente pubblici e la magistratura era orientata a favore del clero islamico, la cui conoscenza della legge era limitata alle ingiunzioni religiose. Turabi ha detto che questa volta saranno i giudici, comprese le donne, a giudicare i casi, ma il fondamento delle leggi afghane sarà il Corano. Ha detto che le stesse punizioni sarebbero state ripristinate.

«Il taglio delle mani è molto necessario per la sicurezza”, ha detto, spiegando che avrebbe un effetto deterrente. Ha aggiunto che il governo sta studiando se eseguire punizioni in pubblico e che «svilupperà una politica».

I combattenti talebani hanno ripreso una punizione che usavano comunemente in passato: la vergogna pubblica di uomini accusati di furto di piccola entità.

In almeno due occasioni a Kabul la scorsa settimana, uomini accusati di piccoli furti sono stati caricati nel retro di un camioncino, con le mani legate e sono stati portati in giro per umiliarli. In un caso, i loro volti sono stati colorati perché fossero identificarti come ladri. In altri casi del pane raffermo veniva appeso loro al collo o infilato in bocca.

Turabi nell’intervista di questa settimana all’AP, Turabi ha parlato con una giornalista donna. «Siamo cambiati rispetto al passato», ha detto. Ha detto che ora i talebani permetteranno la televisione, i telefoni cellulari, le foto e i video «perché questa è la necessità della gente». Ha aggiunto che i talebani ora vedono i media come un modo per diffondere il loro messaggio: «Ora sappiamo che invece di raggiungere solo centinaia, possiamo raggiungere milioni di persone» ha detto e ha aggiunto che se le punizioni vengono rese pubbliche, alle persone potrebbe essere consentito di video o scattare foto per diffondere l’effetto deterrente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: